Il ristorante Da Pedro a L’Aquila

Pedro appartiene a quella nutrita schiera di self made man di cui non si può invidiare il successo, perché conquistato attraverso un lavoro duro, onesto, quotidiano.

La bella sede del ristorante a Coppito, con ampio parcheggio, piacevole veranda e notevole salone, è il punto di arrivo di un cammino iniziato tanto tempo fa con le soli armi del talento e della passione.

Ne conosco la storia perché a Barete, dove ha avuto origine la sua epopea italiana, è riuscito, lui, lo straniero, a farsi talmente benvolere da una popolazione di solito poco aperta al nuovo che oggi “siamo andati al Ristorante” indica per antonomasia l’abbuffata di pesce da Pedro.

Si racconta di un’abilità nella cucina così spiccata che, mentre badava al parente di un ristoratore locale, assimilò per osmosi tutti i segreti della cucina e, dopo essersi reso indispensabile nella gestione della trattoria altrui, ne aprì una propria, coniugando bontà del cibo ed onestà dei prezzi.

Non ero mai stata nel suo locale a pranzo, ma, in uno dei nostri mercoledì sperimentali, Lidia ed io abbiamo sentito il desiderio di un risotto di pesce, anzi di un “pesciotto di riso”, come chiamiamo noi questa squisita pietanza pedriana, per la ricchezza estrema del condimento.

Created with Nokia Smart Cam

Ammetto che questo primo, da solo, annienta la fame e sarebbe più che sufficiente, ma gli antipasti sono per me una tentazione insopprimibile.

Il primo piatto di pesce, freddo, è arrivato pochi minuti dopo l’ordinazione ed è stato buonissimo, soprattutto per la qualità dei gamberetti e del salmone, poco, ma sapientemente conditi.

 

Created with Nokia Smart Cam Created with Nokia Smart CamPoi è stata la volta dei crudi; solo a riguardare la foto mi cresce di nuovo il desiderio, dal momento che il sapore delle ostriche, se fresche, è per me paradisiaco. Created with Nokia Smart Cam Created with Nokia Smart Cam

 

 

 

 

Ed ecco i primi caldi, più pasteggiati: ricordo con piacere soprattutto il bel fritto di merluzzo.

Poi sono giunti i risotti, il motivo originario della nostra sortita nel ristorante.

E quando, sazie e satolle, stavamo per chiedere il conto, a sorpresa è arrivata l’ultima tranche dell’antipasto. Non ce l’ho fatta: ho rimandato indietro quel bellissimo piatto di vongole e cozze che vedete in foto, senza provarlo, senza neppure lasciarlo sul tavolo oltre il tempo necessario per la fotografia. Le seppie con patate, invece…ma come si fa a dir di no alle seppie con le patate?

Created with Nokia Smart CamCreated with Nokia Smart Cam

 

 

 

Il conto è stato, immagino, di favore: un antipasto, due primi, acqua e cocacola a 30 euro.

Risultato? Uscendo dal ristorante, la mia amica ed io ci siamo interrogate sul senso stesso dei mercoledì sperimentali: perché cambiare vorticosamente quando sappiamo dove si annida l’eccellenza?

 

Precedente Acquaviva Picena (AP) Successivo Io viaggio da sola (M. Perosino)

Un commento su “Il ristorante Da Pedro a L’Aquila

  1. Benedetta Colella il said:

    DI ritorno a Pedro qualche giorno fa (dicembre 2015), il conto è stato sempre di 30 euro complessive, ma stavolta avevamo ordinato solo un piatto di riso (buonissimo come sempre) a testa e un po’ d’acqua. Un po’ troppo caro…

I commenti sono chiusi.