Bertoldo e Bertoldino di Giulio Cesare Croce (2/1001)

Bertoldo e BertoldinoLe avventure di Bertoldo e Bertoldino di Giulio Cesare Croce è uno di quei libri che si conoscono come per osmosi dall’infanzia.
Sicuramente non avevo mai letto la storia nella lingua secentesca dell’autore (levigata, fra l’altro, dalla lezione di Ariosto e quindi sapida e duttile), ma conoscevo qualcuna delle astuzie di Bertoldo dai racconti antichi di nonna Rubina e di zia Maria.
E’stato per me un grandissimo divertimento immergermi nelle gesta ora risibili ora profonde del saggio Bertoldo e del suo stolto figliolo Bertoldino, visto secondo la lente deformante della madre, la sapida Marfolda, esempio di saggezza e vivacità muliebre davvero moderna.
Giulio Cesare Croce saccheggia per Le avventure di Bertoldo e Bertoldino l’aneddotica classica: su tutti spicca il modello comportamentale di Diogene il Cinico, col suo elogio della fonte d’acqua pura e delle mani a conca che sostituiscono degnamente il bicchiere e con il suo rapporto con l’autorità.

Bertoldo si interfaccia infatti con un mitico re longobardo Alboino, in nulla coincidente con l’originale, ma sagomato parodiando i sovrani delle varie corti cinquecentesche, che si danno gran mena di intellettuali e poi preferiscono le buffonate anche volgari di un Bertoldo qualsiasi al senno degli intellettuali ospitati ma ridotti al ruolo di lacché.
Le avventure di Bertoldo e Bertoldino sono composte con tecniche mnemoniche di origine epica. Ogni arguzia, ogni beffa, è raccontata due volte: quando accade e quando viene riferita ai sovrani con lungo strascico di risa.
Dal teatro classico, Giulio Cesare Croce mutua la sticomitia: spesso le conversazioni fra Alboino e i villani sono rapidi scambi di domande insidiose e risposte impertinenti, strutturate come proverbi, create per diventar sentenziose e, invero, trasformate spesso nei proverbi di oggi.

Se hai gradito quel che hai letto, regalami un sorriso cliccando “mi piace” sulla mia pagina Facebook

Se vuoi conoscere i 1001 libri da leggere prima di morire, clicca qui

Precedente Incontro con Luca Bianchini Successivo Polignano a Mare (BA)