Borgo San Pietro (RI)

20160416_174543Per anni Borgo San Pietro è stato per me solo lo sfondo anonimo del Lago del Salto.
In quelle casette a due piani, disegnate dalla matita di qualche geometra con poca fantasia, non c’era nulla che mi colpisse nè in positivo nè in negativo.
Sfioravo appena le strade di Borgo San Pietro, piccola frazione di Petrella Salto, per raggiungere la “spiaggetta”, un prato fiorito lambito dalle acque e colonizzato dai natanti messi lì a spiaggiare come piccole balene senza fiato.20160416_175239
Sdraiata su un plaid, con un libro in mano, godevo dell’attrazione che da sempre i laghi esercitano in me, completamente dimentica del contesto rurale in cui ero inserita.20160416_174653

Domenica, però, qualcosa è cambiato.
Una pioggerellina leggera ci ha arrestato prima della discesa al lago.
Cercavamo un’alternativa al chiuso e ci è venuta voglia di visitare la pieve, intestata a Santa Filippa Mereri, mistica del Duecento e fondatrice del Monastero che porta ancora il suo nome. Abbiamo così scoperto che la devozione  per questa straordinaria figura di donna ha ispirato un percorso a piedi attraverso i luoghi cardine della sua vita.


Borgo San Pietro è fra quelli, ma non è più visitabile per noi.
L’antico paese, con il suo Monastero, giace in fondo al lago, che nacque nel 1940 dallo sbarramento del fiume Salto e decretò, con la sua comparsa, la morte del piccolo borgo antico. Le reliquie della Santa furono subito traslate nella nuova chiesa, in una cappella interna strutturata e affrescata esattamente come l’originale ormai annegato.20160416_173443
E se il risultato non è poi così convincente (l’enclave del Duecento ha le stesse tinte e l’identica struttura dalle parte contemporanea), in quella stanza buia in cui giganteggia il feretro con i resti della santa si respira misticismo.20160416_173814 Basta tornare nel corpo centrale della chiesa, ampio, luminoso, arricchito da 20160416_174253un affresco che raffigura diversi santi sulle rive di un lago molto dissimile per sponda e colori da quello del Salto, per sentire rarefarsi l’afflato sprigionatosi poco prima  fra gli affreschi della cappella di Santa Filippa Mereri.
Non amo l’architettura razionalistica, ma le vie e le case di Borgo San Pietro sono testimonianza della tenace volontà di un popolo di restar radicato nel proprio territorio.
20160416_180901E se il fiume si fa lago e inghiotte il paese? Poco male, ci si sposta solo un po’ più in là.

Se hai gradito quel che hai letto, regalami un sorriso cliccando “mi piace” sulla mia pagina Facebook.

Nella pagina “I luoghi che ho visto” troverai tutti i luoghi che ho raccontato sul blog.

Se ti affascinano i paesi inabissati, leggi anche “Il campanile sommerso di Curon Venosta” e “Il lago di Cingoli”

Precedente Ma già prima di giugno di Patrizia Rinaldi (18/16) Successivo Le sise delle monache (Pasticceria Lullo- Guardiagrele)