Campodimele (LT)

WP_20150516_020 Dall’acropoli di Campodimele le foreste dei monti Aurunci paiono accavallarsi come onde di un verde mare in tempesta.

In quest’oasi di roccia fra i boschi, fra l’aria buona e il cielo terso di un luogo che non conosce inquinamento, aspiriamo a pieni polmoni salute e vigore.

Campodimele è la patria della longevità: per il centro storico incontriamo a gruppi donne e uomini anziani solo all’anagrafe che trascorrono gli ultimi atti della loro vita in piena autonomia.

Le sedie posizionate fuori da ogni porta e le panchine annidate in ogni anfratto non lasciano dubbi: qui si vive ancora all’aria aperta, qui le chat si fanno in piazza e funge da Internet la memoria dei vicini.

Questo non è un paese per “vecchi”, come li intendiamo oggi, emarginati, ospedalizzati, trascurati.

Qui la popolazione, anche passata l’ottantina, ha un solo scopo: curare l’isola felice in cui ha avuto la fortuna di nascere.WP_20150516_023

Ovunque fioriscono rose, ovunque tripudiano fiori nei vasi; passeggiamo fra i vicoli come in un giardino.

Il paese è piccolo, ma curatissimo: le case, nei tenui colori pastello, lasciano a vista, in basso, i sassi che ne costituirono lo scheletro; le piazzette, separate fra loro da brevi vicoli, sono perimetrate da abitazioni gradevoli e ingentilite da archi e sottopassi che rendono armoniosa e comoda la viabilità, la pavimentazione, a sanpietrini, è modulata secondo esigenze di confort ed estetica; le rampe per carrozzini e carrozzine sono state ottenute rimodulando la pavimentazione.

WP_20150516_032

A mo’ di monumento, giacciono fra le aiuole le antiche macine.WP_20150516_035

Invano cercheremmo mele, invano cercheremmo campi: l’antico “Campo de melle” deve il suo nome al miele e la sua fortuna alla posizione amena.

Gli stessi Borboni prediligevano soggiornare in zona per la vicinanza ai santuari, ai monti e al mare.

WP_20150516_026Una lapide a vista ci fa intuire quanto la nostalgia per quel passato qui, in terra di briganti, sia ancora forte: una conferma, per noi che veniamo dal museo del brigantaggio di Itri.

Una sorpresa, e grande, è stata invece l’architettura di questo borgo, insignito delle principali onorificenze turistiche e ancora così sconosciuto.

Campodimele, Uno dei borghi più belli d’Italia, Gioiello d’Italia, Bandiera Arancione, Paese della Longevità, merita ad uno ad uno tutti i titoli di cui si fregia.

Se hai gradito quel che hai letto, regalami un sorriso cliccando “mi piace” sulla mia pagina facebook

Precedente Itri (LT) Successivo La trattoria Fore le mura da Franchino ad Assergi (AQ)