La pizzeria “La Capannina” di Roio a L’Aquila

WP_20141203_003
La Capannina: terrazza su L’Aquila

“La Capannina” è una terrazza su L’Aquila.

Dalla collina di Roio le luci della città, moltiplicate dallo spirito natalizio di dicembre, ingentiliscono la periferia e paiono timidamente conquistare anche il centro ancora quasi disabitato.

Quando vedi L’Aquila da qui, dall’alto, ammantata dalla coltre gentile della notte, ti sembra quasi di scorgere una luce al di là del tunnel e per un attimo puoi credere che usciremo dal gorgo che ci ha risucchiato sessantotto mesi fa.

La struttura è la stessa del 2009: c’è il bel terrazzo coperto, ci sono le vetrate luminose con la loro vista panoramicissima, c’è l’open space accogliente. Non ci sono i vecchi proprietari, migrati al Borgo di Santa Marinella a Preturo, ma c’è da credere che i nuovi si faranno ben presto conoscere.Created with Nokia Smart Cam

A venti giorni dalla riapertura, hanno inventato il “Pizza Day”: ieri, 3 dicembre 2014, e mercoledì prossimo, una selezione di pizze al prezzo calmierato di 2 euro.

Siamo andati a sperimentare con parecchio scetticismo e invece abbiamo potuto saldare il conto con gli spiccioli: 13 euro per tre pizze, acqua e una porzione di tiramisù.WP_20141203_004

Il conto!!!
Il conto!!!

Io ho scelto una “4 orti”, che prevedeva zucchine, zucca, melanzane e peperoni. Avevo chiesto, in realtà, la cortesia di evitare questi ultimi, ma il pizzaiolo lo ha dapprima dimenticato cospargendo doviziosamente la pizza dell’odiato ortaggio; poi, ricordatosene in ritardo, ha grattato via il peperone sostituendolo con i funghi. Purtroppo l’aroma prepotente è sopravvissuto all’espunzione, insieme a qualche piccola traccia che ho prontamente dirottato nel piatto di mio marito.

La pizza quattro orti
La pizza quattro orti

La pizza ai funghi di Marco, invece, non aveva controindicazioni: condita al punto giusto, ben oliata, abbastanza piacevole. L’avrei voluta io, e, visto che non so privarmi di niente e che il prezzo consentiva stravizi, ne ho acquistata una identica da asporto per riscaldarmela con bell’agio a casa oggi dopo il lavoro.

La pizza con i funghi
La pizza con i funghi

Scrivo di notte perché la digestione è laboriosa, nonostante la lunga lievitazione a cui è stata sottoposta la pasta e l’utilizzo di una farina particolare che, pare, accentui il gusto. Ho cercato con discrezione di indagare, ma la ricetta precisa è segretata.

Il tiramisù, prontamente servito in una bella coppetta, abbondava di mascarpone e caffè: è una tipologia che ha i suoi estimatori, ma io preferisco il gusto più etereo conferito dai pavesini non troppo intrisi.

Il tiramisù
Il tiramisù

Inestimabile è il valore aggiunto dell’inarrivabile cortesia dei gestori della Capannina, attenti che il servizio sia veloce e la clientela soddisfatta. Hanno scambiato qualche parola con tutti gli avventori, riservando ad ognuno un sorriso. Siamo usciti dal locale alle 20,40, neppure un’ora dopo esserci entrati. Torneremo ad assaggiare la cucina dello chef: i formati di pasta di eccellenza che trionfano alla cassa lasciano davvero ben sperare.

AMBIENTE: 7/10

CORTESIA: 8/10

QUALITA’ DEL CIBO: 7/10

GENEROSITA’ NELLE PORZIONI: 7/10

RAPPORTO QUALITA’- PREZZO: 10/ 10

Precedente L'Old Wild West di Roma Est Successivo Incontro con Ulderico Pesce