Carrisiland, i Caraibi a Cellino San Marco (BR)

Carrisiland è un’oasi nel deserto.
Ho visto posti in Africa meno aridi dei dintorni di Cellino San Marco, dove ieri un sole arrabbiato bruciava i pensieri prima ancora che diventassero intellegibili.
Poi, inaspettatamente, la vegetazione è tornata folta e, dopo chilometri di oliveti, dopo i fasti delle tenute di Al Bano, dopo un bosco rigoglioso che è parte integrante del parco divertimenti, siamo giunti a Carrisiland.
I Carrisi che danno nome al parco sono i nipoti di Al Bano, i figli, cioè, del fratello Franco, in arte Kocis.
E ne condividono la tenacia e l’ottimismo.
Ci avreste scommesso un centesimo, voi, sul successo di un parco acquatico equidistante dai mari più cristallini dell’Adriatico e dello Ionio?
CI avreste scommesso un centesimo, voi, su un Acquapark dove non c’è acqua e non c’è popolazione?
Chiedetelo adesso ai quindicimila utenti che domenica scorsa hanno invaso il parco.
Chiedetelo a quanti sono rimasti fuori dal cancello per sold out.
Chiedetelo alle agenzie di viaggio che organizzano giornate a Carrisiland anche da fuori regione.
Io l’ho chiesto direttamente ad Alessandro, che lavora a Carrisiland fin dalle origini, da quando, cioè, era una sorta di grande fattoria didattica, con incursioni nella botanica e nella storia.
Alla metà dell’Ottocento, le terre su cui oggi sorge Carrisiland ospitavano i briganti. C’è ancora la grotta naturale, con scalinate millenarie, che si diramava fino agli antri più nascosti del bosco, offrendo protezione e nutrimento a chi viveva ai margini della legge.

Carrisiland nasce da lì, dal bosco, dalla grotta, dagli animali, e non rinnega le sue origini: al contrario, quando il parco acquatico chiude, attorno alle 18, si anima la zona di terra, fra rodei, visite guidate nel bosco e magnifici spettacoli serali nel Pala Texas.
Di giorno, invece, la principale attrazione sono Isla Encantada e Isla Dorada, paradisi acquatici in cui la temperatura torna miracolosamente piacevole e le giornate scorrono veloci fra solarium, bar e piscine di ogni tipo.
Ce n’è una che ad orari prestabiliti si trasforma in mare tumultuoso: è la più grande d’Italia nel suo genere.
In progetto c’è anche un terzo polo, Isla Natascia, fatta di fiumi vorticosi e laghetti balneabili.
E l’acqua?
L’interrogativo che mi attanaglia è questo.
La risposta è sorprendente: in un laboratorio di oltre 200 mq l’acqua di Carrisiland viene filtrata, igienizzata, rimineralizzata e riutilizzata all’infinito.
Per provare il brivido di bagnarvi più e più volte nella stessa acqua, con buona pace di Eraclito, potreste soggiornare al resort interno a Carrisiland, un sogno in salsa western chiamato Santa Fè.

Se hai gradito quel che hai letto, regalami un sorriso cliccando “mi piace” sulla mia pagina Facebook.

Nella pagina “I luoghi che ho visto” troverai tutti i luoghi che ho raccontato sul blog.

Su Viaggi e Viaggetti troverai invece l’intero itinerario in sintesi

Precedente Kitchen di Banana Yoshimoto (35/1001) Successivo La vedova di Fiona Barton (24/2017)