La pizzeria Casa dell’orso di Palena (CH)

WP_20151024_050Se io fossi proprietaria di un ex monastero finemente restaurato, non lo chiamerei mai Casa dell’orso, neppure se il Museo dell’Orso Marsicano di Palena sorgesse, come sorge, contiguo alle mura.

Dell’ambiente rustico e approssimativo suggerito dal nome, infatti, la pizzeria Casa dell’orso non ha nulla; al contrario, le sale finemente affrescate ispirano reverenza e rispetto.

Il prezzo del coperto varia a seconda della dislocazione dei tavoli: quelli all’aperto, su un bel prato verde, sono i più economici, quei pochi che insistono sul magnifico chiostro, sapientemente illuminato, costano 2,50 euro, decisamente ben spesi, perché la singolare sensazione di essere ospiti di un ricco monastero non ha prezzo.

Anche la qualità delle pizze è molto alta: la scuola di pensiero è quella napoletana, ma gli ingredienti sono quelli, pregiati, del nostro Abruzzo.

Il risultato è nell’insieme talmente squisito e delicato insieme che anche mia cognata, di solito più morigerata di noi negli appetiti, ha finito per intero la sua buonissima pizza con friarelli e salsiccia.WP_20151024_044

E che sia stata buonissima posso confermarlo con cognizione di causa, perché ho condiviso con lei scelta e soddisfazione, anche se, impaziente come sempre, mi ero preventivamente rovinata l’appetito con una porzione di olive all’ascolana di qualità industriale.WP_20151024_040

Standing ovation anche per le altre due pizze al nostro tavolo, molto apprezzate dai nostri uomini: classica e ben condita quella con funghi e salsiccia, insolita e sfiziosa quella con olive e mozzarella di bufala.WP_20151024_043WP_20151024_041

In tutti i casi abbiamo verificato un livello di cottura ottimale.

Dulcis in fundo, letteralmente e metaforicamente, la mia tortina al cioccolato, con anima liquida e cuore fondente, il tiramisù e la crema catalana hanno concluso degnamente questa memorabile serata alla pizzeria Casa dell’orso di Palena.

Torneremo a sperimentare il ristorante.WP_20151024_048

Se hai gradito quel che hai letto, regalami un sorriso cliccando “mi piace” sulla mia pagina Facebook

Se vuoi conoscere i locali che ho visitato vai alla pagina Ristoranti e Pizzerie

Precedente Tranquillo prof, la richiamo io di Christian Raimo (52/2015) Successivo Corciano (PG)