La Transiberiana d’Italia

La Transiberiana d’Italia

La Transiberiana d’Italia non è solo una linea ferroviaria d’antan, che attraversa valli e gole salendo, salendo, salendo fino ai 1200 metri di Pescocostanzo e anche oltre. Non è solo un tragitto, per quanto magnifico. E’ soprattutto un esempio rarissimo di imprenditoria virtuosa, ben calata sul territorio, ma importata da... Continua »
Il Martur Resort di Termoli (CB)

Il Martur Resort di Termoli (CB)

Una camera con terrazzo privato vista mare, prima di soggiornare al Martur Resort di Termoli, non l’avevo vista mai. Ci ho passato un’ora almeno, dal crepuscolo al buio fitto, quasi incredula: un terrazzo di circa 40 metri quadri, isolato dal resto della costruzione, raggiungibile solo dalla mia camera, poi qualche... Continua »
Termoli (CB)

Termoli (CB)

Termoli sembra finta. Nel notare la perfezione di questo lembo di terra che ha vinto sul mare, tutto fortificato in contrasto con la bellezza nuda del litorale, il primo pensiero, in questo mondo di photoshop e celluloide, contempla l’impostura. Se non fosse per qualche stabilimento che taglia incongruamente la linea... Continua »
San Vincenzo al Volturno (IS)

San Vincenzo al Volturno (IS)

In uno scenario naturale di suggestiva bellezza, fra gli archi di un porticato senza mura, tra pony che pascolano sul sagrato e cani maremmani che si crogiolano al sole, compare, maestosa e abbandonata, la chiesa di San Vincenzo al Volturno. Quei luoghi in cui fu scritto il Chronicon Vulturiense, ad... Continua »
Il santuario di Castelpetroso (IS)

Il santuario di Castelpetroso (IS)

Il Santuario di Castelpetroso (IS) è una macchia di marmo che si staglia nel verde della foresta. Conserva il fascino solitario della cattedrale nel deserto; Isernia, con il suo cemento e i suoi centri commerciali, è dietro l’angolo, ma sembra mille miglia distante da quest’oasi di spiritualità. Quando l’andirivieni di... Continua »
Fornelli (IS)

Fornelli (IS)

Fornelli (IS) non ha tenuto fede al suo nome. Gli oliveti baciati dal sole alla base della collina e i raggi che ci riscaldavano attraverso il finestrino della macchina lasciavano sperare in una passeggiata piacevole nel centro storico. Invece un vento glaciale ha zittito il primo tepore marzolino di questo... Continua »