Caprese Michelangelo (AR): la Rocca, il Museo e la Collezione Guidoni

Caprese Michelangelo (AR): la Rocca, il Museo e la Collezione Guidoni

A Caprese Michelangelo siamo giunti per colmare una scottante lacuna. Avvampammo di vergogna al Minimundus, in Carinzia, quando, assieme a località di ben altro blasone, trovammo la riproduzione della casa natale del Buonarroti a rappresentare l’Italia. Noi ne ignoravamo l’esistenza. Bisognava dunque andare a Caprese Michelangelo. Ma Caprese Michelangelo è... Continua »
Anghiari (AR)

Anghiari (AR)

Anghiari, o la rivincita della pianura. Se i paesaggi tradizionalmente definiti d’incanto sono accomunati dalla presenza di acque o di vette o di boschi, la piana di Anghiari dimostra che anche la pianura, se si srotola infinita all’orizzonte, può togliere il fiato. Vero è che per approcciarla devi salire in... Continua »
Il Museo Leonardiano di Vinci (FI)

Il Museo Leonardiano di Vinci (FI)

Vinci uguale Leonardo. Per chiunque abbia un po’ di cultura, questa è la sola equazione possibile. Solo che Leonardo non visse a Vinci. Ci nacque, figlio illegittimo, lontano dalle chiacchiere della Toscana bene, crebbe col nonno fino a sei o dieci anni (le biografie sono discordanti su questo punto), poi... Continua »
La Fondazione Montanelli a Fucecchio (FI)

La Fondazione Montanelli a Fucecchio (FI)

Quello alla Fondazione Montanelli di Fucecchio, per me, è stato un pellegrinaggio laico. Mi era intollerabile l’idea di soggiornare a trenta chilometri dal paese natio dell’intellettuale a cui devo l’amore per la storia senza andare a respirare quell’aria. Non mi aspettavo nulla. Invece, in due ore rapinose, una responsabile tanto... Continua »
La Valle del Diavolo e il museo della geotermia a Larderello (PI)

La Valle del Diavolo e il museo della geotermia a Larderello (PI)

Se Dante non fosse passato per Larderello, l’Inferno avrebbe avuto connotati diversi. E poco importa che Larderello, allora, non esistesse, anzi, che nella Valle del Diavolo non ci fosse nulla se non il vapore sprigionatosi da terra e l’odore forte ad impestare l’aria. Certo, gli Etruschi avevano tratto benefici termali... Continua »
La trattoria da Benito a Orentano (PI)

La trattoria da Benito a Orentano (PI)

“La trattoria da Benito, senza ma e senza se” ha sentenziato il padrone di casa quando gli abbiamo chiesto dove mangiare la miglior fiorentina della zona. “Sta a venti minuti da qui, al confine estremo della provincia, ma vale ogni chilometro speso per arrivarci ed ogni euro devoluto alla cena“.... Continua »
Vicopisano, borgo turrito (PI)

Vicopisano, borgo turrito (PI)

Gli abitanti di Vicopisano si lamentano spesso di essere tagliati fuori dai circuiti turistici, sebbene il borgo, tutto fortificato secondo disegno di Brunelleschi, sia più turrito di San Gimignano. Potrei spiegar loro facilmente le cause: piedi e ginocchia non reggono l’impatto. Vicopisano non fa nessuna concessione alla modernità, se non... Continua »
Monteriggioni (SI)

Monteriggioni (SI)

Monteriggioni, se il sole non c’è, diventa Montegrigioni e l’incantesimo riesce solo a metà. La cinta muraria che incorona il colle, vista dalla superstrada, pare custodire inenarrabili tesori. Mura così ben conservate, disposte secondo una circonferenza perfetta, delimitate da quattordici torri tutte restaurate fanno sognare un contenuto all’altezza del contenente.... Continua »
Piazza dei Miracoli a Pisa

Piazza dei Miracoli a Pisa

Piazza dei Miracoli a Pisa: rapimento ed emozioni. E rapimento non è espressione metaforica. A notte inoltrata, Marco, stanco di scarrozzarmi per la Toscana minore tra un luogo deludente e l’altro, ha dirottato la macchina in direzione Pisa. Quando ho realizzato che l’agognata casetta si stava allontanando ero già sul... Continua »
Monticchiello (SI) e il suo teatro povero

Monticchiello (SI) e il suo teatro povero

A Monticchiello, magnifico borgo fortificato della Val d’Orcia, il teatro non avviene, è. Gli abitanti di questo paesotto, ingiustamente disertato dalle guide turistiche e spesso anche dalle mappe geografiche, ogni anno mettono in scena se stessi e gli avvenimenti del paese. La piazza si fa palcoscenico, i paesani diventano attori,... Continua »
Le enoteche di Montalcino (SI)

Le enoteche di Montalcino (SI)

Non c’è gita a Montalcino senza un buon bicchier di vino. Non si sfugge. Non c’è angolo del territorio che non ricordi al turista che questa è terra da vino, e da vino buono. Fuori le mura, la periferia vede ettari ed ettari di vigne, poderi con nomi che hanno... Continua »
Bagno Vignoni (SI)

Bagno Vignoni (SI)

A Bagno Vignoni il bagno non si può fare. Nel paese più termale del mondo, dove la piazza stessa è un’enorme vasca di acque benefiche, dove addirittura gli antichi mulini ipogei vennero alimentati da rivoli di acque termali, il turista può solo guardare. Guarda qualcosa di unico, è vero. Guarda,... Continua »
Il ristorante Il loggiato a Bagno Vignoni (SI)

Il ristorante Il loggiato a Bagno Vignoni (SI)

Non avevamo preventivato di intattenerci al ristorante Il loggiato di Bagno Vignoni: da casa avevamo selezionato un localino negli immediati dintorni noto per i suoi ricchi taglieri e le sue verdure sottolio. Faceva freddo, però, lì a Bagno Vignoni. Il desiderio di un pasto caldo ci ha spinto ad ignorare... Continua »
Pienza, la città perfetta, e la Pieve di Corsignano (SI)

Pienza, la città perfetta, e la Pieve di Corsignano (SI)

Pienza beneficia di un mito di fondazione molto suggestivo: Pio II, ultimo dei Piccolomini di Corsignano, ne fu l’ideatore, il mecenate, l’eponimo. La città perfetta fu realizzata dal genio di Bernardo Rossellino, che rivoluzionò in senso rinascimentale il natio borgo selvaggio in cui Enea Sivio aveva elevato al cielo i... Continua »
Il ristorante Dai Toscani a Sestino (AR)

Il ristorante Dai Toscani a Sestino (AR)

In quell’estremo lembo di Toscana che si incunea fra le Marche e l’Emilia Romagna, tra fitti boschi e vie accidentate, si posiziona Sestino, capoluogo della Massa Trabaria e terra di tartufo e chianina. Il ristorante dai Toscani, dove abbiamo consumato il pranzo più buono dell’intera vacanza, risente di questa ibridazione... Continua »
Le Spiagge Bianche di Rosignano Solvay (LI)

Le Spiagge Bianche di Rosignano Solvay (LI)

La Spiagge Bianche di Rosignano Solvay sono belle, bellissime. Belle da morire. Non ho letto di loro su una rivista patinata né mi ha invogliato a visitarle una guida turistica. Ho scoperto invece la loro esistenza su un saggio di denuncia sociale: “Acqua da tutte le parti“, di Antonello Caporale,... Continua »
Il ristorante La Rialla di Massa Marittima (GR)

Il ristorante La Rialla di Massa Marittima (GR)

Il ristorante La Rialla di Massa Marittima è un’azienda agrituristica a chilometri zero virgola uno. Cento metri, non di più, separano l’allevamento dal ristorante; l’approccio dei proprietari è più da produttori orgogliosi della qualità del loro prodotto che da asettici ristoratori ed è piacevole ammirare ad un lato della sala... Continua »
Massa Marittima (GR)

Massa Marittima (GR)

  Massa Marittima non è la Massa che siamo abituati ad abbinare a Carrara e, ad onta del suo nome, non sta nemmeno sul mare. Eppure, ad ogni tornante in salita che superiamo, la vallata che ci parve così inospitale si trasforma in un mare di oro (il grano), di... Continua »
La locanda del minatore di Massa Marittima (GR)

La locanda del minatore di Massa Marittima (GR)

La locanda del minatore di Massa Marittima è un pezzo della storia quotidiana del Novecento. Offre a chi la vuole la possibilità di immergersi nell’ambiente in cui vissero e lavorarono gli operai impegnati nell’estrazione del ferro nelle colline metallifere attorno a Massa Marittima. La locanda del minatore si raggiunge dopo... Continua »
La Garfagnana

La Garfagnana

La Garfagnana, così aspra e selvaggia, così gravida di poesia, ha incarnato le mie fantasie culturalporeutiche per almeno trent’anni, dalla prima volta che, al liceo, ne gustai la tragicomica ricostruzione ariostea a quando, nell’estate 2015, l’ho percorsa d’un soffio in una delle giornate più calde di una stagione caldissima. Sarà... Continua »