La trattoria Don Ciccio a Sulmona (AQ)

20160625_154834La trattoria Don Ciccio di Sulmona, proprio sul corso, è la punta di diamante della gastronomia peligna per la qualità delle materie prime, l’originalità dei sapori, la generosità delle porzioni.
L’hanno scovata su Tripadvisor Tonino e Pamela, cognati buongustai, e quelle recensioni a cinque stelle hanno entusiasmato anche noi.
Le aspettative, dunque, erano altissime e sono state ampiamente superate.20160625_150729
Se dall’esterno il locale ci è apparso uggioso, entrando quel senso di oppressione si è rapidamente dissolto grazie alla bella cucina a vista e a molti piccoli particolari piacevoli che fanno perdonare l’estensione modesta della sala.

Il sorriso e la cordialità della simpatica cameriera hanno poi contribuito a creare un piacevole clima di fiduciosa attesa.
L’antipasto misto per cui Don Ciccio è noto in città è assolutamente imperdibile. Divisi fra la ferma determinazione ad assaggiarlo e la consapevolezza che ad esso non sarebbero seguite altre portate ci ha spinto a dividere in quattro due antipasti.
I gestori di Don Ciccio non stanno lì con il bilancino in mano e hanno gestito le porzioni in base al numero delle bocche, non al ritorno economico.


Risultato? L’antipasto di Don Ciccio è per qualità e quantità uno fra i migliori che io abbia mai assaggiato.
Strutturato come un menu degustazione, sollecita infatti il palato con una serie di sapori via via più decisi, che poi si stemperano nell’armonia del pesce.
Nella gallery troverete le goduriose immagini di questo inaspettato trionfo di sapori: prosciutto e ottimo melone per cominciare, ricottina e formaggi freschi di produzione locale, polpette, un fantastico sufflè, medaglioni d’agnello panato, zuppa di legumi, ceci e patate e, per finire, un ottimo baccalà con pomodorini.20160625_145748
Una buona quantità di paccheri conditi con ogni ben di Dio, di alta qualità e ottima cottura, ha sancito il passaggio dall’antipasto ai primi.
Avevamo già issato bandiera bianca quando ci hanno portato la porzione di gnocchi con zucca e gorgonzola; l’abbiamo immediatamente ammainata nel vedere quei piccoli capolavori di patate e farina creare una piacevole bicromia con l’arancione della zucca tagliata a tocchetti di pari grandezza e nell’annusare il gorgonzola che legava inestricabilmente gli ingredienti.

Gnocchi con zucca e gorgonzola alla trattoria Don Ciccio di Sulmona
Gnocchi con zucca e gorgonzola alla trattoria Don Ciccio di Sulmona

Anche sui dolci ci siamo attenuti al principio ormai collaudato del due per quattro, ma stavolta le porzioni, pur generose, non sono state faraoniche come per gli antipasti e i primi.
E se la torta al cioccolato bianco era all’altezza degli altri piatti, la cassata sulmonese, un trionfo di 20160625_154554leggerissimo pandispagna insaporito nell’alkermes, ha meritato la palma d’oro in questo squisito pranzo, che ci è costato solo 64 euro (di cui 10 per le quattro bottiglie d’acqua che, in gran parte, ho consumato solo io) da dividere per quattro.

Se hai gradito quel che hai letto, regalami un sorriso cliccando “mi piace” sulla mia pagina Facebook

Se cerchi ispirazione, ti invito a visitare anche la pagina Ristoranti e pizzerie

 

Precedente Stupore e tremori di Amelie Nothomb (18/1001) Successivo Il corpo grande di Francesca Mazzucato (42/16)