L’Eremo di Fra Nicola e le cascate del Ruzzo a Pretara (TE)

WP_20160227_028Sorgenti del Ruzzo.

Eremo di Fra Nicola.

Due cartelli stradali marroni, quelli delle indicazioni turistiche, ci hanno colpito su tutti mentre tornavamo a casa dopo il superbo pranzetto a I Vaccari. E siccome il buonumore era tanto e il tempo minacciava soltanto una pioggia che poi non sarebbe venuta, abbiamo svoltato verso l’ignoto.
Tony Wheeler, l’ideatore delle Lonely Planet, confidò un giorno a Gabriele Romagnoli: “Il più delle volte ho trovato quel che cercavo quando mi sono perso“. Così è successo anche a noi.WP_20160227_026

Non avevamo idea di quali tesori si nascondessero su per la salita che da Isola del Gran Sasso va per la montagna. Subito dopo Pretara, ci si è parato avanti uno scorcio che avrebbe richiesto ben altre abilità fotografiche.WP_20160227_023
Sulla nuda roccia, infatti, tra i rami indirizziti d’inverno e le macchie nerastre di un incendio, si apriva una grotta, preceduta da una grande croce e raggiungibile attraverso un sentierino di gradini. Poco discosta, una chiesetta chiusa in bilico fra la roccia, in cui sicuramente si ingrotta, e il prato.
Nelle orecchie, il soave scroscio di un ruscelletto fungeva da colonna sonora a questo luogo senza tempo.
Fra Nicola è stato l’ultimo dei grandi eremiti che hanno popolato il Gran Sasso ad majorem gloriam Dei e la grotta di Frattagrande, questo il suo nome, diventò ben presto crocevia di grandi spiriti.
Sul lato opposto della strada, una fresca cascatella ci ha invogliato a risalire il torrente.


Il Ruzzo non ha un letto tradizionale: le acque si inseguono fra balzi e curve e gli affluenti, spesso piccolissimi, si gettano in discese ardite sul fiume. Ogni tratto del percorso ci è parso più bello del precedente, finché, all’altezza di un bar chiamato proprio “Le cascate del Ruzzo”, ci siamo trovati di fronte ad una congiuntura ad Y: a destra una grande cascata, con acque lente e ordinate, a sinistra mille rivoletti tumultuosi, al centro il Ruzzo finalmente formato.WP_20160227_020
Saremmo potuti andare avanti, sino magari a Piane del Fiume, area attrezzata di cui abbiamo letto nei segnali, ma a me piace lasciare sempre qualcosa di irrisolto nei luoghi che amo.
La ricerca delle sorgenti del Ruzzo continuerà, magari in estate, magari con gli amici.

Se hai gradito quel che hai letto, regalami un sorriso cliccando “mi piace” sulla mia pagina Facebook.

Nella pagina “I luoghi che ho visto” troverai tutti i luoghi che ho raccontato sul blog

Precedente Adesso di Chiara Gamberale (11/2016) Successivo Il buio oltre la siepe di Harper Lee (5/1001)