Gallipoli (LE)

Gallipoli non mi piacque qualche anno fa, nella calura e nella ressa di un agosto infuocato, e non mi piace adesso.
Solo le temperature sono cambiate: il traffico e il caos continuano ad impazzare.
Non predispone bene alla visita l’immensa, anonima periferia, che una nuvolaglia diffusa ci ha reso ancora più indigesta.
Anche il centro storico, però, così chiuso e claustrofobico, continua a parermi cadente più che decadente.
Di fianco a palazzi signorili ben restaurati e trasformati in pensioncine di charme, permangono bicocche lerce e cupe che mi fanno rabbrividire.

I vicoli scuri, perimetrati dalle mura alte di vecchie costruzioni che si sviluppano in altezza, mi trasmettono un’idea di pericolo e insicurezza.
Perfino il Duomo, meraviglioso, non si affaccia su una piazza, come nel resto del mondo, ma su un piccolo slargo da cui non è neanche possibile ammirare (né fotografare) la bella facciata barocca.

Il Duomo di Gallipoli

L’interno della chiesa è maestoso, ma, ancora una volta, indicibilmente scuro: i notevoli affreschi che ricoprono il soffitto sono tutti in toni cupi e sembrano schiacciare il fedele più che aiutarlo a librare nelle altezze dell’Empireo.

Duomo di Gallipoli: interno

La famosa movida si articola fra locali, o meglio loculi, stretti a pian terreno, che snaturano Gallipoli con le loro pretese modaiole inutilmente snob.
Ho letto con i miei occhi sulla bacheca di una di queste stamberghe la domanda fatidica: “Stanchi del solito pesce?”. Non ricordo neppure che cosa si proponesse per stuzzicare gli annoiati stomaci dei ricchi turisti.
Per trovare conforto bisogna disincastrarsi dal ginepraio del centro e raggiungere il mare.
Gallipoli sorge infatti su una penisoletta sfacciata che si protende, tutta fortificata, sul mar Ionio e offre scorci meravigliosi a chi abbia voglia di percorrerne il periplo.
Al tramonto, quando il cielo si fa rosa e i pescherecci tornano al porto in lenta processione, è magnifico sostare in contemplazione.
Dopo la sosta, però, mi è sempre stata gradita la ripartenza.

Se hai gradito quel che hai letto, regalami un sorriso cliccando “mi piace” sulla mia pagina Facebook.

Nella pagina “I luoghi che ho visto” troverai tutti i luoghi che ho raccontato sul blog.

Su Viaggi e Viaggetti troverai invece l’intero itinerario in sintesi

Precedente Grazie, Jeeves di Pelham G. Wodehouse (27/1001) Successivo L'hotel Panama Majestic di Rimini