Grand Hotel Cristallo Comedy

WP_20160205_018Standing ovation per Grand Hotel Cristallo Comedy, per Antonia Renzella e Valeria Bafile che lo hanno concepito, per gli attori che lo hanno messo in scena, per la direzione dell’Hotel Cristallo di L’Aquila che lo ha ospitato, regalando una serata di spasso e goduria agli oltre cento spettatori della prima serata (il 5 febbraio) e un incasso record allo storico albergo che (lo dico a vantaggio di chi non è aquilano e non conosce i fasti passati e lo splendore senza tempo di Fonte Cerreto, amena località montana alla base della funivia) nacque in epoca fascista come biglietteria e negli anni è diventato simbolo di un turismo montano intelligente.WP_20160205_004

L’inedito format prevede un ricco aperitivo accompagnato dalle note di un ottimo gruppo jazz, un one-man-show in cui Daniele Parisi, fantastico mattatore, si esibisce in una piece spassosissima sulla vita di coppia, dal primo appuntamento alla maternità all’ascolto selettivo di una coppia rodata. Le sue interazioni con il pubblico, sempre argute, creano una certa sinergia fra il pubblico.
WP_20160205_005Poi si sale al piano di sopra.
Si creano diversi sottogruppi composti da una quindicina di persone, che, tra battute, commenti, perplessità, avranno modo di stringere fra loro un sodalizio che ha qualcosa di magico.WP_20160205_010
In una prima camera si verrà a contatto con un “pericoloso” feticista che ci farà sconvolgenti rivelazioni prima di sparire nel nulla.
Nuova camera, nuove emozioni: stavolta staremo ai piedi del letto di una coppia formatasi ad uno speed-date. Per Mario, il protagonista maschile, non sarà una bella esperienza; per noi, che seguiamo deliziati la storia, ci saranno momenti di grande divertimento.
Cambio ulteriore ed eccoci ai piedi del letto di una escort molto particolare.WP_20160205_008WP_20160205_007
E poi ancora, travolgentemente, ci troveremo ad ascoltare le pagine di Dostojevsky, a spiare la WP_20160205_015trasformazione di un padre di famiglia dalla doppia vita, a sventare un tentativo di suicidio, a sbirciare due sposini durante la loro poco appassionata e molto appassionante prima notte di nozze, a ripercorrere, con un brivido nella schiena, i giorni bui della nevicata del 1956 a Fonte Cerreto.
E, come Cenerentola, rientreremo a casa nostra frastornati e felici allo scoccare della mezzanotte.
Grazie, Grand Hotel Cristallo Comedy.

Se hai gradito quel che hai letto, regalami un sorriso cliccando “mi piace” sulla mia pagina Facebook.

Precedente ll ciclope di Paolo Rumiz (5/16) Successivo Alberobello (BA)