Il ristorante I giardini del Vetojo a L’Aquila

Created with Nokia Smart Cam
Ieri…

Arriverà mai il turno de I giardini del Vetojo?

...e a settembre
…e a settembre

Sa il cielo quante volte, dopo un buon pasto, ho tentato di recensire questo locale che è la meta privilegiata delle nostre pause pranzo. Ho tante di quelle foto, accumulate nei mesi, che potrei inaugurare una mostra sulla cucina de I giardini del Vetojo.

Al momento di tradurre in parole la soddisfazione che sempre ricaviamo da questo locale, la volontà vacilla e il pensiero si frammenta. Dopo la polenta di ieri, però, non posso più tardare: voglio I giardini del Vetojo nel mio blog così come è entrato nel mio cuore e nella mia vita.

Polenta con sugo di salsiccia e spuntature
Polenta con sugo di salsiccia e spuntature

Galeotto fu un coupon su Sconti subito, che permetteva di assaporare un finissimo menu degustazione a pochi euro. Mentre sul nostro tavolo si susseguivano cibi deliziosi, la mia attenzione veniva calamitata dalle pizze: vige infatti nei giorni feriali la politica della Pizza no stop. Con soli 10 euro, si ha diritto a tranci a sazietà, preparati secondo l’estro dello chef e divisi per tutta la tavolata: una vera manna per gli indecisi e i golosi, che hanno modo per assaporare di tutto senza sperperare uno sproposito.

La sala: particolare
La sala: particolare

Sempre a 10 euro, è proposto il pranzo: il prezzo è da tavola calda, ma i servizi, non c’è dubbio, sono quelli di un buon ristorante. Puoi scegliere, fra tre o quattro opzioni per categoria, il primo, il secondo e i contorno che più ti aggradano, certo che ti stupiranno sempre per il loro gusto speciale.

Non troverai piatti da Accademia del Gusto nel menu a prezzo fisso: c’è la pasta condita in modo semplice, la carne ben cotta, verdurine in quantità. Non scoprirai gusti nuovi, ma riconoscerai la buona cucina genuina in ogni forchettata.

Farfale con radicchio e gorgonzola
Farfalle con radicchio e gorgonzola

Ieri eravamo in quattro, ognuna sulla sua macchina. Nessun problema per il parcheggio: il grande piazzale antistante ospiterebbe l’intero parco auto comunale. Io ho scelto la polenta con salsiccia e spuntatura e non me ne sono pentita. Ringrazio quasi l’intolleranza al latte vaccino appena scoperta, altrimenti avrei selezionato, come le mie amiche, le farfalle con radicchio e gorgonzola, buone sicuramente, ma non quanto la mia deliziosa, colorata, squisita polenta.

Vitello al tartufo
Vitello al tartufo
Rollè di tacchino
Rollè di tacchino

Per secondo, ho optato per una fettina di vitello al tartufo, ma ho anche le foto del rollè di tacchino scelto da una di noi. Sui contorni ci siamo sbizzarrite: per me, pasticcio di cavoli e patate, per le altre insalata o patate arrosto, tagliate a metà e cotte sulla brace.

Dopo averla ringraziata, devo però maledire la suddetta intolleranza, che mi ha impedito di assaggiare i dolci, di cui conosco da sempre l’estrema bontà.

Riepilogando: 4 primi, 4 secondi, 4 contorni, 3 bottiglie d’acqua, 2 dolci e 1 caffè per soli 44 euro.

Il calore dell’amicizia, la gioia di ridere insieme, il piacere di confidarsi non hanno prezzo, si sa. Per tutto il resto, c’è I giardini del Vetojo.

AMBIENTE: 8/10

CORTESIA: 8/10

QUALITA’ DEL CIBO: 8/10

GENEROSITA’ NELLE PORZIONI: 8/10

RAPPORTO QUALITA’- PREZZO: 10/ 10

Precedente La pizza per autodidatti di Cristiano Cavina (3/2015) Successivo Non son degno di tre di Jon Rance (4/2015)