Il Lavandeto di Assisi

Assisi vista dal Lavandeto

Il lavandeto di Assisi è la risposta italiana alle odorose distese viola della Provenza.
Non è necessario valicare le Alpi per lasciarsi stordire dal profumo intenso e dai colori accesi della lavanda; basta recarsi a Castelnuovo di Assisi e visitare gli ampi spazi fra terra e lago dedicati a questa ed altre piante officinali.
La sensazione è straniante: di fronte sfavilla Assisi con la sua arte, in cielo sfolgora il sole estivo, in terra, fra api e farfalle, olezzano i fiori.

Progettando la visita, mi vedevo camminare senza meta per ore ed ore.
SOno bastati venti minuti perché, grondante di sudore, cedessi alla tirannia di Caronte e mi arroccassi all’ombra.
Fortunatamente era in corso la festa della lavanda ed era stata allestita una piccola fiera florovivaistica.
Tra gelati e profumi, oli e distillati, souvenirs e placebo, tutto sembrava decretare il trionfo anche commerciale della lavanda.
I partecipanti alla festa avevano inflessioni di voce disparate: toscani, umbri, romani, abruzzesi come noi sono accorsi da ogni dove per apprezzare uno spettacolo che la stagionalità rende irripetibile.
Da qualche anno, ormai, i weekend di giugno coincidono con l’Open Day del Lavandeto di Assisi e con un vero e proprio festival della lavanda, di cui vengono distillati i fiori e decantate le proprietà curative e lenitive.

Passeggiata fra le lavande a Castelnuovo di Assisi.

Se il turismo naturalistico, anche di tipo botanico, prende sempre più piede in Italia è anche merito di realtà come questa, piccole e piccolissime, ma in grado di stupire e stordire chi le assapora.

Se hai gradito quel che hai letto, regalami un sorriso cliccando “mi piace” sulla mia pagina Facebook.

Nella pagina “I luoghi che ho visto” troverai tutti i luoghi che ho raccontato sul blog.

Su Viaggi e viaggetti c’è l’intero itinerario in sintesi

Precedente Orgoglio e pregiudizio di Jane Austen (44/1001) Successivo La Locanda da Federico a Lagonegro (PZ)

2 commenti su “Il Lavandeto di Assisi

  1. Velia Tarquini il said:

    Come sempre, i tuoi racconti sono appassionati e coinvolgenti e ci trasportano virtualmente nei luoghi da te visitati…grazie e…continua sempre così!!!!

    • Benedetta Colella il said:

      Grazie di cuore. Questi incoraggiamenti mi rendono proprio felice!

I commenti sono chiusi.