Incontro-spettacolo con Nino Frassica

WP_20150724_025Nino Frassica sale sul palco del Gaber Festival a Camaiore.

Saluta.

Si siede.

Sta in silenzio.

Il pubblico che prima ha applaudito camuffa l’imbarazzo con qualche risatina.

Nino Frassica si alza di scatto, percorre mezzo palco a marcia indietro, poi si stoppa.

Risaluta.

Ritorna a sedere.

Ritace.

Il pubblico applaude più forte.

Nino Frassica balza di nuovo in piedi, percorre a ritroso mezzo palco e la gag si ripete.

A questo punto potrei alzarmi anche io, per non più tornare: non amo e non capisco questo tipo di comicità. Mi trattengo in memoria dei vecchi tempi, quando Quelli della notte, vietatissimo a casa mia, furoreggiava fra i giovani e le battute più folgoranti o meglio i tormentoni più nauseanti mi erano riferiti il giorno dopo, a scuola.WP_20150724_027

Per Nino Frassica è stato organizzato un incontro-spettacolo, senza copione, come è nello stile dell’attore: il canovaccio è affidato a qualche filmato che spezza il monologo, che è di fatto un lungo spot all’autobiografia edita da Mondadri: La mia autobiografia, 70% vera, 80%falsa.

Ogni aneddoto è viziato dall’iperbole, che rende volutamente inattendibile ciò che si racconta.

La sua formazione? Nasce nei bar del paese, dove le ore scorrevano lente e si parlava, scherzando su tutto e dissacrando ogni cosa. L’italiano stentato, storpiato, iperscorretto di alcune nonnette siciliane è stato il modello a cui Nino Frassica si è ispirato nel dar vita ad Antonino da Scasazza.

L’esperienza con Renzo Arbore? Si andava a braccio, come oggi nessun produttore consentirebbe.

Terence Hill, che frequenta tutti i giorni sul set di Don Matteo? È tanto generoso che ad un mendicante ha allungato cento euro precisando che cento erano d’elemosina , il resto mancia.

Il suo ruolo nello sceneggiato? Non è un tipo atletico e ha bisogno di uno stunt man anche per le scene di ordinaria corsetta . Così il suo sosia è diventato tanto ricco da poter assumere un suo stunt man, sosia di sosia, appunto, a cui far fare per pochi spicci quel che dovrebbe far lui con retribuzioni da capogiro.

Nel raccontar tutto questo, eccede in statistiche impossibili (70% uomini di sesso maschile, 96% donne di sesso maschile, 23%uomini di sesso femminile, 245% donne di sesso femminile. I numeri li sto inventando al momento, la battuta è stata ripetuta tante volte da risultarmi molesta)

Per me che amo la concretezza, questo continuo divagare, esagerare, scadere nel nonsenso è un tormento, dal quale insperabilmente sono stata liberata un po’ prima che lo spettacolo si concludesse perché Marco, annoiato, ha deciso di andar via.

Chi di mappazza ferisce, di mappazza perisce.

Se hai gradito quel che hai letto, regalami un sorriso cliccando “mi piace” sulla mia pagina Facebook.

Precedente L'Hotel Regina a Lido di Camaiore (LU) Successivo Il ristorante Ometto a Carrara