La funicolare di Kreuzeck (Panoramick Kreuzeckbahn)

WP_20160807_15_18_45_ProLa funicolare di Kreuzeck popola i miei sogni da due anni, da quando, cioè, venni a sapere della sua esistenza dal libretto della Carinzia Card, ed è stata, pertanto, la prima meta di questa nuova avventura in Austria.
Si tratta di una funicolare gialla, abbarbicata sulla montagna, che, più o meno ogni ora, si innalza fino a 1200 metri offrendo agli utenti una vista man mano più ampia sull’amena valle di Kreuzeck.WP_20160807_14_18_52_Pro

Salendo, ricompare pian piano alla vista il torrentello che avevamo oltrepassato per raggiungere la funicolare, il bel lago romantico che avevamo oltrepassato poco prima con la macchina, le foreste e i boschi fittissimi che nascondono fino all’ultimo la Panoramick Kreuzeckbahn.
A differenza delle varie funivie e cabinovie che servono la Carinzia, la funicolare di Kreuzeck, ovviamente, non offre scenari diversificati, ma un unico, progressivo zoom sull’ambiente circostante.
Non è questo l’unico motivo per cui, in presenza di un’offerta diversificata e varia, non tornerei a bissare l’esperienza. Anche il panorama all’arrivo, infatti, è gradevole, ma non indimenticabile, se non per gli stambecchi e i camosci che si trovano al pascolo vicino alla stazione di arrivo e che, in Austria, sono animali domestici, con tanto di targhette di proprietà.


Il sentiero che si dipana dal bar fino ad un grande lago artificiale sarebbe caratterizzato dalle incisioni su legno di frasi sagge di pensatori da tutto il mondo, ma di tanta sapienza può fruire solo chi padroneggia il tedesco, perchè qui, come spesso accade in Carinzia, non sono previste traduzioni in altre lingue.WP_20160807_14_37_28_Pro
Puoi apprezzare qualche scultura in legno, sì, o passeggiare piacevolmente sulla diga che delimita il grazioso invaso, certo, ma dopo un’ora al massimo ti ritroverai già sulla funicolare di Kreuzeck, in discesa verso nuove emozioni.

Se hai gradito quel che hai letto, regalami un sorriso cliccando “mi piace” sulla mia pagina Facebook.

Nella pagina “I luoghi che ho visto” troverai tutti i luoghi che ho raccontato sul blog.WP_20160807_14_36_22_Pro

Precedente San Daniele del Friuli e La Casa del Prosciutto Successivo Il ristorante Dai Toscani a Sestino (AR)