La bettola di Geppetto a Santo Stefano di Sessanio

wp_20161127_15_07_21_proLa bettola di Geppetto si eleva al confine fra ricostruzione e macerie a Santo Stefano di Sessanio.
Se la raggiungi dalla piazzetta, con gli occhi pieni dell’armonia del posto, ti parrà un locale caratteristico, ma se, come noi, ci arrivi dopo un impervio saliscendi fra macerie e puntellamenti, faticherai un po’ a ritrovare il buon umore.wp_20161127_13_58_36_pro
Ti aiuterà di certo la simpatia di Geppetto, che va di tavolo in tavolo a conoscere i suoi clienti e ha per tutti un gradito gesto di attenzione, o la prestanza del cameriere, di più che bella presenza.

Il motto di La bettola di Geppetto potrebbe essere “piccoli prezzi per piccole porzioni con piccola attesa”.
Soli 15 euro ti danno diritto a un menu base con primo, secondo, contorno e bevande; sbirciando i tavoli vicini, ho avuto però modo di pentirmi per aver rinunciato all’antipasto.

I ravioli allo zafferano di La bettola di Geppetto
I ravioli allo zafferano di La bettola di Geppetto

Non sempre l’erba del vicino è più verde della propria: a mio marito, ad esempio, è andata peggio che a me.
I miei ravioli allo zafferano con ricotta fresca di Castel del Monte, allegri alla vista e deliziosi al gusto, hanno illuminato il tavolo e umiliato, al confronto, le tagliatelle con funghi e tartufo di mio marito, onestamente piuttosto ordinarie.wp_20161127_14_16_01_pro
Allo stesso modo, per amore ho barattato mezza porzione di un convincente formaggio fritto dorato nel burro con quattro arrosticini magri magri di cui avrei fatto tranquillamente a meno.

Il formaggio fitto di La bettola di Geppetto
Il formaggio fitto di La bettola di Geppetto

Ho appreso così una triste legge di natura: a dare un dito si perde il braccio. Scontento del contornino insapore che avrebbe dovuto chiudere il pranzo, la mia ineffabile metà, approfittando di un momento di distrazione, mi ha sbranato metà della deliziosa torta al cioccolato che avevo chiesto extra menu per addolcirmi la giornata.wp_20161127_14_55_58_pro
Nonostante ciò, è stata una bella giornata.
E a La bettola di Geppetto tornerò volentieri, magari dopo una ricca colazione.

Se hai gradito quel che hai letto, regalami un sorriso cliccando “mi piace” sulla mia pagina Facebook

Se cerchi ispirazione, ti invito a visitare anche la pagina Ristoranti e pizzerie

Precedente L'estate fredda di Gianrico Carofiglio (43/16) Successivo Michael Kohlhaas di Heinrich von Kleist (21/1001)