Il ristorante La Fazenda a Camporosso (IM)

20160603_143750Bisognava arrivare fin qui, a La Fazenda, nel punto più estremo d’Italia, a Camporosso (IM), a due passi dal confine francese, per mangiare cibo napoletano come Dio comanda.
La gestione di La Fazenda è familiare e il giovane chef, Alessandro Frasca, è di quelli bravi davvero.
E non solo in cucina, in cui, comunque, raggiunge vette vertiginose, ma anche nella cortesia con cui ci accoglie e nelle scelte di marketing che lo hanno portato, a due anni dall’apertura, a ottenere citazioni e riconoscimenti fra i gourmet che contano.
Noi conosciamo La Fazenda tramite Groupon. 20160603_133224

Se fossimo in zona, diventeremmo sicuramente clienti fissi e soddisfatti, ma le distanze sono tali che posso rivivere solo tramite fotografie le emozioni di quel pranzo squisito.
L’antipasto di fritti con cui abbiamo cominciato il nostro viaggio fra i sapori partenopei era sublime davvero. Menzione speciale per l’inarrivabile mozzarella in carrozza, dorata e corposa, fragrante e gustosa, un vero proiettile di gusto che innamora al primo morso.20160603_134534
I miei gnocchi alla sorrentina, con pomodoro e mozzarella filante, non erano secondi a quelli che mangiai goduriosamente proprio a Sorrento: del resto, pomodoro e patate sono germogliati tutti al sole del Sud e la ricetta è identica, ma le porzioni, qui, sono più generose.20160603_134543
Non ho provato neppure ad assaggiare gli scialatielli al profumo di mare scelti da Marco per paura che mi venisse chiesta in cambio una forchettata dei miei irrinunciabili gnocchi.
L’insalata di polpo e patate che lui ha scelto per secondo era calamitante, però: freschissimo, saporito, ben condito.
Su questo, Alessandro Frasca è perentorio: il pesce va acquistato di persona, recandosi giorno per giorno al mercato, perché il cibo surgelato costa comunque molto e non serba in sè quel sapore di mare che ha reso invece unico il polpo che avevamo davanti.20160603_140225
20160603_140214La mia parmigiana di melanzane, comunque, era armoniosa e nutriente come e più del piatto di Marco.
Non ci siamo fatti mancare un buon dolce: Marco ha optato per un babà ben intriso di rhum; io mi sono goduta invece un tiramisù con crema fatta a freddo che mi ha fatto  levitare di gioia e leggerezza.

Se hai gradito quel che hai letto, regalami un sorriso cliccando “mi piace” sulla mia pagina Facebook

Se cerchi ispirazione, ti invito a visitare anche la pagina Ristoranti e pizzerie

Precedente Il ristorante Symposium a Paestum (SA) Successivo Vietri Sul Mare (SA)