Il ristoro La tana del lupo a Farindola (PE)

WP_20150730_007La tana del lupo è una baracca in legno spersa nel verde di una ricca faggeta, in un lembo del Gran Sasso pescarese, a Rigopiano, un borgo senza case, un luogo dell’anima che sorge nel comune di Farindola, a diversi chilometri di distanza da ogni insediamento umano.

Ascendervi vuol dire viaggiare fra i segreti del bosco.

Per quanto possa infuriare il clima, per quanto torrida possa essere la giornata, lì, sotto i faggi, un venticello fresco stiepidirà ogni bollore.

Fra gli alberi sono mimetizzati i banconi in legno , dapprima fitti, per comitive numerose e per persone socievoli, poi sempre più radi, a tutelare la privacy o l’intimità dei dialoghi.WP_20150730_001

Nei mesi estivi non ci sono orari: a qualunque ora del giorno, dalle dieci di mattina al tramonto, ci sarà sempre qualcuno, a La tana del lupo, disposto a rimestar la brace e cucinare buoni arrosticini sfrigolanti, salsicce alla brace e bruschette in quantità.

 

Tra gli affettati, c’è sempre il pecorino di Farindola, eccellenza regionale. A me non piace troppo, per quell’odore un po’ selvatico che lo caratterizza, ma conosco persone che affrontano spesso il viaggio per acquistarlo.

Basta raggiungere il vicino versante aquilano per notare greggi infiniti pascolare in semilibertà nella steppa lunare di Fonte Vetica: quelle carni non possono che essere sapide, non possono che essere salubri.WP_20150730_012

La tana del lupo vende, dunque, prodotti genuini in una location insolita, che dalla natura carpisce il senso di libertà, non la relativa scomodità.

Li vende a caro prezzo.

Con 37 euro abbiamo avuto, da dividere in due, un piatto di pane ed olio, 25 arrosticini, 2 salsicce, una decina di fette di prosciutto piuttosto ordinario e 3 di pecorino di Farindola, una birra, una bottiglia di cocacola ed una d’acqua.WP_20150730_005

All’altro lato della strada, in una radura magnifica, c’è un punto picnic con tanto di brace a disposizione degli ospiti per godere dello stesso panorama e dell’identica frescura portando da casa quanto viene venduto a prezzi ben poco popolari a La tana del lupo.

Ogni volta ci ripromettiamo di organizzare un picnic per la successiva, ogni volta ci ritroviamo affamati sotto l’insegna intarsiata di La tana del lupo.

Come canta Ligabue, ci sono dei vizi che tu non vuoi smettere, smettere mai.

Se hai gradito quel che hai letto, regalami un sorriso cliccando “mi piace” sulla mia pagina Facebook

Se cerchi ispirazione, ti invito a visitare anche la pagina Ristoranti e pizzerie

Precedente Love & the city. L'amore ai tempi dell'Expo di Lidia Di Simone (35/2015) Successivo Il Parco Nazionale della Pace a Sant'Anna di Stazzema (LU)