L’Hotel Sol Palace di Sangineto Lido (CS)

L’Hotel Sol Palace di Sangineto Lido è una Ferrari affidata a un diciottenne.

Gli ambienti dell’Hotel Sol Palace
La struttura è magnifica: reception ampia e accogliente, ampi saloni con televisione, scale illuminate con ringhiere in ferro battuto, terrazze con vista che spazia sul mare.

Tramonto dal terrazzo del Sol Palace di Sangineto Lido

Anche le camere mantengono le promesse.

Il bagno è molto elegante, con i suoi bei decori e la doccia capiente, il balconcino, con tavolinetto e poltrone, nella mia camera, la 212, si affaccia sia sul mare sia sulla piscina, che è a sua volta un vero gioiello con scalini per immersione comoda e bella piastrellatura su sfumature di blu.

La piscina dell’Hotel Sol Palace

Più volte ho preferito la piscina alla spiaggia ghiaiosa, che si raggiunge con un servizio navetta piuttosto efficiente ma dà su un mare, per noi, molto deludente.

La ristorazione dell’Hotel Sol Palace
Non ci si aspetta, in una struttura così elegante, un servizio ristorazione di pura sussistenza, che solo i prezzi stracciati dell’offerta promozionale di giugno mi fanno definire sufficiente.
Dopo aver tentato di spacciare pangasio per cernia, la direzione del Sol Palace ha optato per definizioni di comodo: “Pesce alla griglia”, “Sugo di carne”.
In realtà le porzioni del primo sono così misere in qualità e quelle del secondo così scarse in quantità che a stento si distingue che cosa si stia mangiando. I buffet non aiutano: le salse tentano di nascondere la mancanza di freschezza, le insalate sono ricicli di pasti ormai passati, le verdure che dovrebbero essere fresche hanno comunque un’aria tristanzuola che non invoglia ad approfondire.
Non importa: per noi in vacanza l’albergo è solo un punto di riferimento fra l’una e l’altra gitina.
Da quel punto di vista, il Sol Palace è perfetto.
Non ho avuto modo di testare il centro benessere, pur compreso nella straordinaria offerta di benvenuto. Sapevamo, comunque, che avremmo avuto l’opportunità di impiegare proficuamente un’eventuale giornata di pioggia.

Se hai gradito quel che hai letto, regalami un sorriso cliccando “mi piace” sulla mia pagina Facebook.

Nella pagina “I luoghi che ho visto” troverai tutti i luoghi che ho raccontato sul blog.

Su Viaggi e viaggetti c’è l’intero itinerario in sintesi

Precedente Quadri (CH), la capitale del tartufo abruzzese Successivo Il museo del peperoncino a Maierà (CS)