Il ristorante La Maielletta a Pretoro (CH)

img-20161230-wa0000Trovar posto a La Maielletta senza prenotazione è praticamente impossibile.
La domenica a pranzo la festante comunità di Pretoro e dintorni si riversa nell’ampia sala dello storico ristorante.
I tavoli per due sono rarissimi: La Maieletta è locale da grandi raduni, in un surrogato moderno di quel che furono in passato le case dei nonni durante le feste.
Coerentemente, il menu è quello della tradizione abruzzese, fatto di pasta ammassata e carni locali.
Sono gusti che non mirano a stupire il palato, ma a perpetuare una ritualità  antica.
Anche noi eravamo parte di una allegra tavolata, riunita per festeggiare il compleanno dello zio “patriarca” di famiglia, che aveva concordato con i titolari una serie di piatti di sicuro gradimento.

L'antipasto all'italiana
L’antipasto all’italiana

L’antipasto, rigorosamente all’italiana, comprendeva prosciutto tagliato spesso, salami dolci e piccanti, molto presenti in questo scampolo d’Abruzzo, lonza, una generosa fetta di formaggio, l’immancabile torta rustica, olivette e funghetti.
A parte, un vassoio di melanzane sott’olio ha avuto con noi vita assai breve.

I cannelloni del ristorante La Maielletta di Pretoro
I cannelloni del ristorante La Maielletta di Pretoro

Il mio piatto preferito, qui e sempre, sono i cannelloni, cotti al punto giusto, con un delizioso sughetto che ben si armonizzava con il ricco ripieno.

La chitarra del ristorante La Maielletta di Pretoro
La chitarra del ristorante La Maielletta di Pretoro

Ad essi ha fatto seguito un grande vassoio centrale di chitarra col ragù: la pasta, uscita direttamente dallo spianatoio dei cuochi, era tanto lunga da rendere divertente la sfida di dosarne la giusta quantità e arrotolarla ai rebbi senza ritrovarsi a combattere con enormi bocconi.20161208_144749
Per secondo, neanche a dirlo, agnello, presgrassato su esplicita richiesta dello zio, con un occhio al gusto ed uno alla salute, come ribadito dal doppio contorno: deliziose patate arrosto e insalatina fresca.20161208_153217
Chi conosce un po’ l’Abruzzo non ha bisogno di leggere oltre per ipotizzare come dessert la “pizza dolce”, goloso pandispagna farcito con uno strato di crema ed uno cioccolato, reso a La Maielletta alcolico più del lecito da un eccesso di liquore.

Se hai gradito quel che hai letto, regalami un sorriso cliccando “mi piace” sulla mia pagina Facebook

Se cerchi ispirazione, ti invito a visitare anche la pagina Ristoranti e pizzerie

Precedente Veronika decide di morire di Paulo Coelho (24/1001) Successivo Il museo delle scienze di Mallnitz (BIOS NationalPark Zentrum)