La Malta Hochalmstrasse in Carinzia

WP_20160808_13_31_04_ProParadossalmente gli austriaci, che non prevedono caselli all’autostrada e si accontentano dell’acquisto di una “vignetta” una tantum, impongono poi il pedaggio alle strade di montagna più suggestive!
I 18,50 euro richiesti per transitare sulla Malta HochalmStrasse sono davvero ben spesi, però.
Dai monti altissimi che incombono sulla strada, infatti, vengon giù cascate a centinaia. WP_20160808_13_44_14_Pro

 

 

 

 

Alcune si originano direttamente dai ghiacciai (ed è emozionante fermarsi a contemplare la neve in agosto), altre si parano davanti improvvise, dopo una caduta libera che incomincia chissà dove, altre ancora non arrivano proprio a terra, perché si nebulizzano nell’aria calda del pomeriggio, lasciando sulla roccia nera una strisciolina esile, come bava di lumaca che scintilla al sole.

Malta HochalmStrasse è il regno delle acque.WP_20160808_13_17_39_Pro
Trasudano dalle rocce umide, in minuscole goccioline che stillano ovunque, si fondono in torrentelli e ruscelletti che cadono nel vuoto per poi ricompattarsi in letti rocciosi che portano al fiume Malta, vera attrazione della valle.WP_20160808_15_09_48_Pro
Se all’andata eravamo rimasti ammaliati dalla cascata che, qualche chilometro prima della meta, faceva bella mostra di sè da mezza montagna , al ritorno la stessa non aveva più potere su di noi, che in tre ore di marce e soste lepidissime avevamo saziato gli occhi di bellezza.WP_20160808_13_09_02_Pro
La Malta HochalmStrasse è strada di montagna, spesso a un solo senso di marcia cadenzato da una complessa rete di semafori, e affronta pendenze considerevoli.
Sbigottiti, ci siamo accorti di aver superato i 1700 metri s.l.m. soo quando ci si è parato improvvisamente a fronte un delizioso lago artificiale di un azzurro vividissimo, alimentato da decine di cascatelle che confluivano lì dai monti circostanti.WP_20160808_15_09_28_Pro
Più in là non siamo arrivati, ed è un primo motivo di rimpianto.
Ce n’è anche un secondo: non aver percorso il sentiero che agevolmente avrebbe portato ai piedi della maestosa cascata iniziale. Non vi sembra un valido motivo per tornarci a breve?

Se hai gradito quel che hai letto, regalami un sorriso cliccando “mi piace” sulla mia pagina Facebook.

Nella pagina “I luoghi che ho visto” troverai tutti i luoghi che ho raccontato sul blog.WP_20160808_15_59_07_Pro

 

Precedente Donne eccellenti di Barbara Pym (13/1001) Successivo Lei & lui di Marc Levy (32/16)