Maria Worth, il Paradiso della Carinzia

Maria Worth è il mio jolly.
Me lo gioco adesso, attribuendogli il valore taumaturgico di risollevarmi dalle ambasce di un lutto doloroso e ricordarmi che la vita è anche bellezza e che nel mondo ci sono ancora angoli incantati da scoprire e raccontare.
Maria Worth, dunque, è un gioiello carinzio inesportabile nel resto del mondo.
Quante chance di preservarsi incontaminati avrebbero altrove piccoli e deliziosi paesi sul lago, set di fiction di successo, dispensatori di armonia e serenità?

Quanti anni resisterebbero prima di farsi schiacciare da una brutta, elefantiaca periferia di cemento?
A Maria Worth, invece, la periferia non c’è.
Tutto è circoscritto all’interno della piccola penisola che, snella e verdeggiante, si avventura fra le acque pulitissime del Worthersee.

Maria Worth vista dalla Pyramidenkogel

Poche coloratissime abitazioni fanno corona al maestoso campanile di una chiesa bomboniera dall’interno barocco che richiama coppie di sposi da tutta l’Austria.
Tra l’una e l’altra casa si estendono grandi prati che arrrivano a lambire le acque. Passeggiare per la circumlacuale, riservata esclusivamente ai pedoni, è piacevolissimo: si scherza con le paperelle; si ritempra il fisico grazie all’azione congiunta di aria montana, sole estivo, acque fresche; si rilassa l’animo perchè c’è solo bellezza tutto intorno a noi.
Le sedie a sdraio che, dal prato, guardano il lago non sono prerogativa di qualche stabilimento e non sono riservate ai soli ricchi che possano permettersi l’affitto.
Sono lì gratuitamente, a disposizione di una comunità attenta e civile che mai si sognerebbe di rubarle, imbrattarle, distruggerle.
Anche in questo, Maria Wort è già terra di Paradiso.

Se hai gradito quel che hai letto, regalami un sorriso cliccando “mi piace” sulla mia pagina Facebook.

Nella pagina “I luoghi che ho visto” troverai tutti i luoghi che ho raccontato sul blog.

Su Viaggi e Viaggetti troverai invece l’intero itinerario in sintesi

Precedente Incontro con Sandro Veronesi Successivo La fabbrica di cioccolata Glober a Fossa (AQ)