Il Martur Resort di Termoli (CB)

Una camera con terrazzo privato vista mare, prima di soggiornare al Martur Resort di Termoli, non l’avevo vista mai.
Ci ho passato un’ora almeno, dal crepuscolo al buio fitto, quasi incredula: un terrazzo di circa 40 metri quadri, isolato dal resto della costruzione, raggiungibile solo dalla mia camera, poi qualche metro di sabbia e infine il mare.

Marco scruta il mare dalla terrazza privata del Martur Resort di Termoli

Sono andata al Martur resort nella stagione sbagliata, eppure anche senza sole, anche senza ombrelloni, il posto ha conservato un’atmosfera lussuosa e invitante.
Comodo il parcheggio, razionale la struttura, che si compone di un corpo centrale con le camere, la reception, il bar e il ristorante, e una dependance con residence assai invoglianti.
La struttura bianca, tropicale anche per le palme sulla spiaggia, si pregia di una piscina a sfioro praticamente a ridosso del mare.
Eppure, nonostante la bellezza del posto, restare in camera durante il temporale non ci è costato poi troppo, per merito di un letto comodissimo, di una scrivania funzionale, di un divanetto molto adatto alla lettura e più in generale di una metratura che scongiura l’effetto prigione.
Anche il bagno mi ha colpito per la sua forma ad elle: da un lato, vicino alla finestra, i sanitari, dall’altro la doccia a due piazze e il lavandino. Gli spazi, anche in questo caso, sono molto confortevoli.
Non siamo usciti a cena: una buona pizza alla diavola, croccante e ben condita, ci è stata portata direttamente dal ristorante. Ci è piaciuta molto.

La colazione, invece, non è faraonica come la struttura lascerebbe presagire e meriterebbe. Sicuramente migliorerà con l’impennarsi dei prezzi a luglio e ad agosto.

Se hai gradito quel che hai letto, regalami un sorriso cliccando “mi piace” sulla mia pagina Facebook.

Nella pagina “I luoghi che ho visto” troverai tutti i luoghi che ho raccontato sul blog.

Su Viaggi e Viaggetti troverai invece l’intero itinerario in sintesi

Precedente Termoli (CB) Successivo La Storia di Elsa Morante (42/1001)