Il ristorante Masa a Manoppello (PE)

Torneremo al ristorante Masa di Manoppello?
Me sa de sì.
Ha una posizione centrale, un menu non banale, un punto d’onore nella celerità e cortesia del servizio.
Noi abbiamo copiosamente banchettato lì con i Borghi d’Abruzzo.
Bando ai soliti affettati: l’antipasto caldo pensato per noi è nato per scaldare il cuore.
Due pallotte cacio e ova, tanto per cominciare, con un sapore dolcemente deciso che è esclusiva dell’Abruzzo adriatico.

Poi, il timballo di baccalà, un boccone barocco imporporato di pomodoro e protetto da uno scrigno di pasta sfoglia: di questo non so darvi documentazione fotografica, perché il palato ha richiesto repentina soddisfazione e non c’è stato tempo nè pensiero di brandire il cellulare.
La trippa, invece, è stata più ordinaria: cotta bene, sapida il giusto, poco aromatizzata, ma, forse proprio per questo, più anonima delle due strepitose portate precedente.
L’arrivo dei ravioli alla ricotta ha sancito per il ristorante Masa il ritorno definitivo all’eccellenza: ne erano tre, ma occupavano tutto il piatto.
Ormai sazi, abbiamo ugualmente pasteggiato con pollo (un bel cosciotto forse prefritto, ma sicuramente dorato alla perfezione) e ottime patate a cui è stato probabilmente destinato lo stesso trattamento della carne.
Per dolce, come da tradizione, ci è stata servita la pizza dolce, un pan di spagna striato con tre creme, bianca, gialla e scura.
Ora, io non so se l‘Elisir dello speziale offerto a conclusione del pranzo, dopo il fragolino e lo spumantino, sia prerogativa del ristorante Masa o ci sia stato offerto da un produttore locale, ma tutti i miei amici ne sono rimasti deliziati.
Ristorante Masa, mi ha davvero persuasa.

Se hai gradito quel che hai letto, regalami un sorriso cliccando “mi piace” sulla mia pagina Facebook

Se cerchi ispirazione, ti invito a visitare anche la pagina Ristoranti e pizzerie

Per partecipare ai nostri Giroborghi, iscriviti gratuitamente al gruppo Facebook Borghi d’Abruzzo

Precedente Il giro del mondo in ottanta giorni di Jules Verne (36/1001) Successivo Guardia Perticara (PZ)