Neve, cane, piede di Claudio Morandini (14/2017)

Dagli tre parole, Neve, cane, piede, e Claudio Morandini imbastisce una storia essenziale e scarna come le montagne in cui è ambientata.
Non sembra un romanzo italiano: non c’è retorica né compiacimento stilistico nello stile piano e aguzzo con cui Morandini tratteggia la vita di Adelmo Farandola, nome che, dopo la tragedia di Rigopiano di Farindola, parrebbe profeticamente evocativo.
Farandola, un po’ misantropo, un po’ matto, un po’ malato, un po’ semplicemente eccentrico, ha voltato le spalle al consorzio umano.
Vive tra i monti, in una delirante solitudine che si incrina soltanto quando un cane, disperso e selvaggio quanto lui, lo affianca in questa esistenza di stenti.
Scordatevi i “pelosetti” ipernutriti e idolatrati dalla deriva facebookiana: Farandola non sarà tenero neppure con il cane, che funge da contraltare comico ogni volta che la vicenda rischia di scivolare in una drammaticità senza rimedio.

Il vero protagonista è però il vallone pietroso e ostile che Farandola considera suo.
Erano generazioni” scrive Claudio Morandini “che la povertà e la limitatezza degli orizzonti rendevano ostinate. Solo nell’ultimo secolo gli uomini hanno capito che era più produttivo rinunciare a tutto quel vallone pietroso, e sono migrati verso altre zone meno franose, lasciando che la conca si riempisse di detriti e frantumi come il letto di un fiume secco. Ora la conca è abitata da un assembramento muto di idoli di pietra, da conoidi e semisfere di vaga forma umana, che poggiano sull’erba schiacciata per sempre e sembrano sorvegliare i rari passaggi“.
Neve, cane, piede è edito da una piccola casa editrice di qualità, Exorma, che non avrebbe mai potuto competere con i giganti dell’editoria italiana se il libro di Claudio Morandini non fosse piaciuto, e molto, ai lettori di Billy, gruppo Facebook per chi coltiva il vizio di leggere.
Qualcuno ha scoperto Neve, cane, piede, e lo ha proposto; altri hanno accolto l’invito alla lettura e lo hanno apprezzato.
Insieme, hanno deciso che il libro dovesse scalare le classifiche di vendita e lo hanno acquistato, tutti insieme, in una stessa settimana.
Il fenomeno ha incuriosito Michela Murgia, che ne ha parlato in Qualche storia.
Così ho scoperto il libro e il gruppo.
E se qualcun altro, leggendo queste righe, vorrà continuare questo circolo virtuoso ci sarà ancora speranza per la letteratura italiana.

Se hai gradito quel che hai letto, regalami un sorriso cliccando “mi piace” sulla mia pagina Facebook.

Nella pagina Libri e Autori, troverai l’elenco dei libri che ho recensito e degli autori che ho incontrato

 

 

Precedente La Madonna che vele a Introdacqua Successivo Essere Nanni Moretti di Giuseppe Culicchia (15/2017)