Paestum (SA)

20160617_180955Potreste ammirare i templi di Paestum anche bypassando la biglietteria e passeggiando nella via pedonale contigua agli scavi.20160617_204438
Non fatelo!
Il biglietto d’ingresso costa 7 euro, ma rincorrersi fra le colonne in quei maestosi luoghi sacri non ha prezzo.
Chi cerca l’essenza vera della Grecia antica deve venire in Italia, al Sud.
Ad Agrigento, certo, ma più ancora a Paestum.
L’antica Poseidonia, ancora protetta dalle sue mura, sorge lì, al centro del piccolo villaggio moderno di Paestum-Capaccio, che la ingloba, ma non la contamina.

L'agorà di Paestum
L’agorà di Paestum

Al contrario, è come se i ritmi lenti dell’antica polis sopravvivessero nel borgo moderno: a due passi c’è la spiaggia, ancora semiselvaggia, c’è il mare, cristallino come allora, c’è il paese, anonimo e funzionale tra il duplice fascino della natura e della storia.IMG-20160619-WA0037
Al centro batte ancora il cuore antico.
La tecnologia moderna si è messa al servizio della vetusta bellezza e ne aiuta la fruizione: se di giorno la maestosità dei templi travalica i tempi, di notte un’illuminazione spettacolare la sublima e la perfeziona.20160617_221500
Non perdetevi il tramonto, quando l’orizzonte si incendia di belle speranze e la luminosità scema ovunque, nell’antica Poseidonia, ma non sui templi. Pian piano le antiche colonne doriche, rinvigorite dalla luce artificiale che le colpisce e le irradia dal basso, paiono prendere vita e farsi faro di una cultura, quella della Magna Graecia, che è sopravvissuta ai secoli e vive ancora, solida e magnifica come i templi che ne testimoniano al mondo l’irraggiungibile perfezione.


Ero stata diverse volte a Paestum, ma mai ne avevo percepito il fascino come stavolta, complice quel magico attimo in cui il pomeriggio cede alla sera e il caldo della giornata si stempera nell’agognata frescura e pronuba l’intelligente curiosità della mia amata nipotina (a cui dobbiamo tutte queste foto), il cui entusiasmo ha risvegliato il mio.IMG-20160619-WA0036
“Zia, se vivessi a Paestum, verrei qui ogni giorno. A fare i compiti, a passeggiare con gli amici, a respirare quest’aria diversa, a godere di questa straordinaria bellezza”.
IMG-20160619-WA0047Già, perché l’area archeologica di Paestum non è data solo dai tre templi che le hanno dato risonanza mondiale, ma dalla polis intera, col suo teatro, le sue vie, il suo fascino eterno.

Se hai gradito quel che hai letto, regalami un sorriso cliccando “mi piace” sulla mia pagina Facebook.

Nella pagina “I luoghi che ho visto” troverai tutti i luoghi che ho raccontato sul blog.

Precedente L'orribile karma colpisce ancora di David Safier (26/16) Successivo La lanterna delle fate a Borghetto Vara (SP)