L’hotel Panama Majestic di Rimini

La consapevolezza mi ha folgorato mentre un asciugamano caldo mi ristorava dopo una lunga, confortevolissima doccia: “Io voglio vivere sempre così“.
E siccome non ho certo uno stipendio che mi permetta di soggiornare tutta la vita al Panama Majestic di Rimini, ho cercato di identificare i piccoli particolari che hanno reso magnifica questa esperienza.
Sono infiniti.
Il lusso del Panama Majestic non è ostentato, non è kitsch: tutto è misura ed eleganza in questa splendida struttura di Rimini Marina Centro ad un minuto a piedi dal mare.
Il letto, innanzitutto, è comodissimo.

Gli devo sei notti di sonno ininterrotto e ristoratore: era troppo, troppo tempo che non mi succedeva. Il merito va anche ad una insonorizzazione perfetta: io stessa dal terrazzino vista mare di cui era dotata la mia stanza, la 312, non avevo idea di che cosa combinasse Marco a cinque metri da me, ma all’interno.
I colori della stanza e della struttura in genere sono rilassanti: tutto è in panna e cioccolato, mentre la trapunta, nei vari toni del blu e del verde scuri dona un tocco di allegria all’insieme.
La televisione a schermo piatto, poi, è posizionata in maniera tale da permettere una visione perfetta stando comodamente sdraiati sul letto.
Un efficientissimo sistema di riscaldamento ha mantenuto per tutto il soggiorno la temperatura costante a 24 gradi, proprio come la desideravamo.
Se anche avessimo dimenticato qualcosa a casa, non ce ne saremmo accorti: il Panama Majestic offre un kit di cortesia completo, con tanto di ciabattine, cotton fioc, limetta per le unghie, mollettine per i capelli, sapone per l’igiene intima e tanto, tanto altro.
Tutti i giorni ci sono stati garantiti asciugamani e lenzuola freschi di bucato, profumatissimi.
Quanto mi mancano, poi, le colazioni faraoniche del Panama Majestic!
Scendevo sempre nella sala ristorante verso le dieci e mezzo e ormai avevo i miei riti: un bicchierone di latte e cacao servitomi all’istante, senza neanche bisogno di chiederlo al meraviglioso maitre che ricorda i gusti di tutti i clienti, succo d’ananas, bombolini alla crema e una girandola di altri ottimi dolcini da assaggiare e gustare.

Colazione al Panama Majestic di Rimini

Dopo una breve pausa, facevo anche un’incursione nel salato: wurstel, formaggi e formaggini, affettati, frutta fresca e sciroppata.


Dopo aver letto tutti i giornali nella sala tv, mi sono concessa lunghe passeggiate digestive e ore di goduriosa lettura sulle poltrone della sala belvedere.
Non ho mai sentito il desiderio di pranzare dopo la ricca colazione al Panama Majestic di Rimini!
Non ho mai fantasticato  di salire al centro benessere dell’ultimo piano, dove avrei trovato sauna, bagno turco e una fantastica piscina riscaldata!
Tutto quel che desideravo era lì, a portata di mano. E non mi capita spesso. Anzi, non mi capita quasi mai.

Per conoscere le strutture in cui ho soggiornato, clicca qui.

Se hai gradito quel che hai letto, regalami un sorriso cliccando “mi piace” sulla mia pagina Facebook.

Nella pagina “I luoghi che ho visto” troverai tutti i luoghi che ho raccontato sul blog.

Precedente Gallipoli (LE) Successivo Ninfee nere di Michel Bussi (4/17)