Pane per i Bastardi di Pizzofalcone di Maurizio De Giovanni (44/16)

Libro del giorno : "Pane e bastardi di Pizzofalcone " Di Maurizio De Giovanni ed. EinaudiNo, la mia non è stata una maratona di lettura, anche se oggi non ho deposto mai il nuovo libro di Maurizio De Giovanni, Pane per i Bastardi di Pizzofalcone.
Ho cominciato a leggerlo al parcheggio della libreria.
L’ho sbirciato di sottecchi nei secondi di attesa fra l’uno e l’altro cambio dell’ora a scuola.
Mi sono raffreddata nel garage per finire un capitolo, poi due, poi tre prima di salire a casa.

L’ho riempito di briciole perché, pranzando, leggevo.
L’ho ultimato d’un soffio, è vero, ma non è stata, credetemi, una maratona di lettura.
Piuttosto, è stata un’agape fraterna con vecchi amici.
Sbocconcellando il pane di Pasqualino Granato, quello vero, fatto col lievito madre impastato dai nonni, i Bastardi di Pizzofalcone mi hanno raccontato le ultime novità.
Sono vicende ondivaghe: Romano è più felice, Alex un po’ meno.
Lojacono continua a scegliere la donna sbagliata.
Ottavia cerca una sua normalità anche attraverso il turno di notte.
I Bastardi di Pizzofalcone raccontano storie d’amore e di libertà, di passioni e di povertà, di famiglie che si formano e che si sfasciano, di reputazioni che si macchiano e si riscattano.
Come pane, lo stile di Maurizio De Giovanni agglutina mondi così diversi, dà senso e sapore ai singoli personaggi, dona ad ognuno la giusta consistenza.
La sua magia sta nel non strafare: si ritaglia, certo, cantucci lirici in cui la sua prosa si eleva confermandoci, ancora una volta, che è il più grande scrittore vivente in Italia, ma, quando narra, sa dosarsi.
De Giovanni sa limare le parole, tagliare gli aggettivi, spogliare i periodi.
Gli occhi volano sulle righe, la lettura non subisce mai intoppi, la matita delle sottolineature rimane inoperosa perché la mente, incantata dalla trama, non sa selezionare e vorrebbe ricordare tutto: i dialoghi brillanti e gli afflati lirici, le pagine di azione e quelle di commozione.
E così Pane per i Bastardi di Pizzofalcone finisce troppo presto, come sempre accade per i cibi di ottima qualità, ma il suo retrogusto verace mi accompagnerà fino al prossimo banchetto.

Se hai gradito quel che hai letto, regalami un sorriso cliccando “mi piace” sulla mia pagina Facebook.
Abbiamo letto qualche libro in comune ultimamente? La lista dei miei la trovi qui!

Precedente Il country club L'Anfora di Basciano (TE) Successivo Frattura Vecchia (AQ)