Il ristorante Re Gatto (nuova gestione) a L’Aquila

WP_20150507_006Con Re Gatto, a L’Aquila, avevo un conto in sospeso.

A marzo la gestione precedente, che avevo tanto apprezzato, si era trasferita a Scoppito, a Lago Verde, e quelle mura, pur tanto note, erano tornate ad ospitare chef e camerieri sconosciuti.

Volevo sperimentare il nuovo modo di interpretare il locale da parte dei proprietari e, contemporaneamente, temevo la disillusione.

Oggi, 7 maggio 2015, rotto ogni indugio, la mia amica ed io abbiamo varcato di nuovo il portone di Re Gatto, abbiamo preso posto nel nostro tavolo preferito, felici nel notare che non c’erano stati stravolgimenti nell’arredamento.

La cordialità della cameriera ci ha colpito piacevolmente: pronta a illustrare i piatti del ricco menu e la notevolissima carta dei vini, disponibile senza essere untuosa, disinvolta senza sfacciataggine.

WP_20150507_005I prezzi, altra nota positiva, non hanno subito nessuna impennata in alto: continuano a posizionarsi in fascia media, nonostante la qualità alta dei cibi.

Nel nostro caso, lo scontrino non ha riservato sorprese: 29 euro per due primi, due contorni, una composta di frutta e una bottiglia d’acqua.

Ho mangiato con piacere gnocchetti con pomodorini e burrata su crosta di parmigiano: il formaggio, sciogliendosi a contatto con il caldo, abbracciava gli gnocchi con delicatezza e il rosso vivo dei pomodorini conferiva un bell’aspetto all’abbondante primo.

Gnocchetti con pomodorini e burrata
Gnocchetti con pomodorini e burrata

La mia amica ha assaggiato, fuori menu, dei ravioli di ricotta freschi e buoni conditi con burro e salvia: secondo lei, la grandezza di uno chef si valuta quando si misura con piatti semplici.WP_20150507_001

E, se il criterio è questo, al Re Gatto lavora un grande chef.

Poi è stata la volta del contorno: patate alla griglia, abbastanza buone, per la mia amica e, per me, una succulenta parmigiana di melanzane con mozzarella di bufala in un mare di sugo fresco al basilico, piatto davvero regale in quantità decisamente generose.

Melanzane alla parmigiana
Melanzane alla parmigiana

I dolci, almeno a giudicare dal menu, sono molto aromatizzati; per questo, abbiamo preferito dividerci una composta di frutta fresca, forse più bella a vedersi che a mangiarsi.WP_20150507_004

Se hai gradito quel che hai letto, regalami un sorriso cliccando “mi piace” su questa pagina

Per sapere quali locali sono già stati recensiti su Bennyland, vai alla pagina Ristoranti e Pizzerie

Precedente Offida (AP) Successivo La giostra degli scambi di Andrea Camilleri (24/2015)