Il ristorante “Il re gatto” di L’Aquila

La cannella del re gatto che dà nome al locale
La cannella del re gatto che dà nome al locale

Il re Gatto, la centesima cannella di L’Aquila, versava acqua copiosamente durante questo mercoledì di pioggia. Di guardia all’ingresso dell’omonimo ristorante, il mascherone in pietra ci dava il benvenuto in uno dei locali più belli della città.

Il re Gatto ha tre soli punti di debolezza: la dubbia fama della gestione precedente, difficile da fugare in una città, L’Aquila, particolarmente misoneista, i bagni che si trovano fuori dal complesso principale e la difficoltà di parcheggio davanti al locale, che insiste sulla curva di una strada trafficata vicino alla stazione.Created with Nokia Smart Cam

Gli ultimi due sono peccati veniali che non trattengono certo i buongustai, quanto al primo, più infido, basterebbe provare una volta per accorgersi che la musica è cambiata e il brusio si è fatto orchestra.

Particolare della sala
Particolare della sala

Da poco più di un anno, sono Alessio e la mamma a gestire questo locale di gran fascino, che si incunea fra le mura della città e che, varcato il portone d’accesso, più minimalista di quanto lascerebbe intuire la bella struttura, si apre in ampi spazi in pietra in cui arte e natura convivono egregiamente. D’estate è possibile mangiare fuori, sotto l’ampio gazebo; d’inverno si apprezza il calore delle belle stanze, vivacizzate da dipinti allegri e da dettagli di confort.

L’affascinante ambientazione farebbe temere un qualche rincaro nei prezzi. Si spende il giusto, invece, e non si rimpiangono i soldi versati per del cibo davvero buono.

Noi, per esempio, in due abbiamo pagato complessivamente 40 euro per antipasto, primo e, solo per me, uno squisito tiramisù senza caffè, impreziosito da scorzette di arancia che ne esaltano il gusto.Created with Nokia Smart Cam

L’antipasto del Re Gatto è già previsto per due persone ed effettivamente è molto ricco, ma soprattutto vario e originale. Si apre con un ampio piatto di portata in cui sono disposte bruschettine di diverso tipo intervallate da verdure grigliate: zucchine, patate, melanzane e peperoni.Created with Nokia Smart Cam

Poi è la volta dei salami, di quattro tipologie diverse, accompagnati da un pane bianco morbido e croccante simpaticamente proposto in un cestino di carta paglia.Created with Nokia Smart Cam

Seguono bocconi di melanzana alla parmigiana: l’avevo già assaggiata in estate, durante il pranzo di chiusura degli esami di stato, e ricordavo nitidamente quel sapore pieno, contemporaneamente morbido e intenso, nato da una perfetta fusione fra gli ingredienti. Sarei intollerante al latte, ma certi bocconi paradisiaci valgono a pieno le artigliate allo stomaco che ne conseguono.

Zuppette d'orzo
Zuppette d’orzo
Melanzane alla parmigiana
Melanzane alla parmigiana

Anche le zuppe non sono affatto trascurabili: buone le lenticchie, buonissima la minestra di orzo e piselli, di cui non sono riuscita a distinguere a pieno tutti gli ingredienti.

Il tratto distintivo de Il re Gatto, infatti, mi sembra proprio l’armonia nelle proporzioni e la pienezza del gusto. Anche le pappardelle con salsiccia e pistacchi tritati, scelte da entrambe come piatto principale, non smentiscono l’ottima impressione dell’antipasto.Created with Nokia Smart Cam

Il locale è così accogliente che ci siamo attardate a chiacchierare anche dopo aver finito il pranzo. Anzi, un’amica ci ha raggiunto per il caffè e siamo rimaste in tre su quelle sedie comode, nel tepore della stanza. Lungi dal risentirsi (non sono rari, lo sapete tutti, i gestori che cominciano a rumoreggiare intorno per far capire agli utenti che, sborsato il conto, non sono più bene accetti), il buon Alessio si è fermato addirittura a parlare con noi.

Coccole al palato con il buon pranzo, coccole all’anima con il servizio attento: come si può non tornare in un locale così?

AMBIENTE: 9/10

CORTESIA: 10/10

QUALITA’ DEL CIBO: 8/10

GENEROSITA’ NELLE PORZIONI: 8/10

RAPPORTO QUALITA’- PREZZO: 7/ 10

Precedente Il peso di Liz Moore (6/2015) Successivo Incontro con Paolo Restuccia

2 commenti su “Il ristorante “Il re gatto” di L’Aquila

  1. Benedetta Colella il said:

    Dal 18 marzo, Re Gatto ha cambiato gestione. Peccato, non ho fatto in tempo a tornarci 🙁

I commenti sono chiusi.