Il ristorante P x A a Pescorocchiano (RI)

20160416_204640P x A / 2 sarà anche una formula matematica dall’aspetto arcano; la vera formula magica è però P x A.
La pronunci e ti torna alla memoria un paesino immerso nel verde dal nome chioccio, Pescorocchiano, un localino moderno quanto basta per non stimolare aspettative e, al suo interno, funghi porcini grandi e saporiti da degustare senza fretta.
P x A è il regno del fungo porcino, la sua apoteosi.20160416_200753

La cena, qui, non è regalata, questo no: il menu è di quelli con i primi a dieci euro e la specialità (funghi porcini alla brace, ovviamente) a tredici, ma, come ha ammesso soddisfatto mio marito, “ti suona, ma non ti frega”, ossia, traducendo dal colorito frasario abruzzese, “si fa pagare, ma non riserva sgradite sorprese” nè nella qualità, sempre eccellente, nè nel conto, che non prevede coperto nè spese soverchie per l’acqua.
L’anima dell’ampia sala è il camino, polo d’attrazione termica, estetica e gastronomica: proprio lì i funghi già insaporiti in padella assumeranno il colorito e il sapore che li rende unici.20160416_203007
Nell’attesa, consumiamo delle ottime fettuccine, ovviamente ai funghi porcini. La pasta, pesante d’uovo e leggera di condimenti, stupisce per la sua semplicità: quando e materie prime sono buone, non servono salse né spezie, e infatti non ce ne sono. Inforchi uno o due pezzettini di fungo, fai ruotare la forchetta attorno alla pasta e ottieni un bocconcino di tutto rispetto, che ti stupisce all’ultimo morso come al primo.20160416_201841
E infine, goduria estrema, arrivano i funghi alla brace: Marco ed io ne abbiamo diviso una porzione e ci ha saziato entrambi. Se tutti i piatti fossero così, si potrebbe quasi valutare l’idea di diventare vegetariani senza traumi: il profumo della brace, la consistenza del fungo sotto i denti, il sapore corposo e deciso che si sprigiona su palato non fanno in nessun modo rimpiangere la carne.20160416_203311
20160416_233419Andiamo via piuttosto sazi e molto appagati: P x A è sempre una garanzia.

Se hai gradito quel che hai letto, regalami un sorriso cliccando “mi piace” sulla mia pagina Facebook

Se cerchi ispirazione, ti invito a visitare anche la pagina Ristoranti e pizzerie

Precedente Non adesso, per favore di Annalisa De Simone (17/16) Successivo Ma già prima di giugno di Patrizia Rinaldi (18/16)