Il ristorante Santamaria di Villa Santa Maria (CH)

Ci troviamo nel sancta sanctorum della cucina italiana: il ristorante Santamaria è un locale storico della terra dei cuochi, Villa Santa Maria.
Le aspettative sono alte, minate appena dalla consapevolezza che stiamo pagando poco e che siamo un gruppo di ottanta persone.
Sono i miracoli del gruppo Borghi d’Abruzzo e dell’organizzatrice di questo giroborghi, Carmela D’Ottavio.
La professionalità del ristorante Santamaria sta anche nel farci sentire clienti preziosi ed altospendenti: ogni nostra richiesta è accolta con il sorriso, ogni imprevisto è superato senza problemi, l’atmosfera è allegra e rilassata.
Stiamo benissimo.

Il bis di primi al ristorante Santamaria di Villa Santa Maria (CH)

Il bis di primi ci viene servito subito: un cannellone di sfoglia verde ripieno di ricotta cremosa e una chitarrina con i fiocchi, ingentilita da un insolito sughetto con minuscole pallotte cacio e ova, che finora avevo conosciuto solo di dimensioni più grandi, servite come secondo.
Di entrambi viene offerto anche un sostanzioso bis, di cui ci avvaliamo un po’ tutti.
Il cosciotto d’agnello porchettato non sfigura rispetto alla portata precedente: è carne tenera, gustosa, sapientemente contornata con flan di spinaci e  una squisita patata al coppo.
Pollice recto anche per la macedonia, preparata con cura utilizzando frutta succosa.
La torta, preparata in onore dei borghi, è scenografica prima ancora che buona ed offre un tocco di dolcezza ad un pranzo praticamente perfetto.Il ristorante Santamaria, attrezzato anche per soddisfare clienti con qualunque problema alimentare, è stato vittorioso nell’improvvisare piatti alternativi per chiunque non abbia potuto godere dell’ottimo menu concordato.
Ci torneremo presto.

Se hai gradito quel che hai letto, regalami un sorriso cliccando “mi piace” sulla mia pagina Facebook

Se cerchi ispirazione, ti invito a visitare anche la pagina Ristoranti e pizzerie

Per partecipare ai nostri Giroborghi, iscriviti gratuitamente al gruppo Facebook Borghi d’Abruzzo

Precedente Valloria (IM), il paese delle porte dipinte Successivo Villa Santa Maria (CH), la terra dei cuochi