Scherzetto di Domenico Starnone (40/16)

scherzettoFra i libri di Domenico Starnone, Scherzetto è quello che mi è piaciuto di più.
Una scrittura chirurgica, assolutamente perfetta nei tempi e nelle parole della narrazione, dà voce a un disagio sinora inespresso in letteratura: l’imbarazzo di nonni disillusi dalla vita a contatto con nipotini ipertecnologici, saccentelli, egoriferiti e tuttavia disperatamente innocenti.
Daniele è un nonno assente, disabituato da una lunga vedovanza a convivere con altri, a suo agio in una zona di confort che gli si stringe intorno come una prigione.
Mario è un bambino di quattro anni ipersollecitato, dipendente dall’approvazione altrui, bisognoso di attenzioni costanti.
Sono due personalità contrapposte, strette l’una nello smantellamento delle illusioni di una vita (“Mi montò una smania di autodenigrazione. Vidi di colpo un vecchio senza qualità, forze scarse, passo incerto vista offuscata, suduri e gelo improvviso una svogliatezza crescente interrotta solo da sforzi fiacchi della volontà, entusiasmi finti, malinconie reali“), l’altra nella convinzione narcisistica di saper fare tutto, e tutto bene.

Mario era solo il piccolo ritaglio di una sostanza viva le cui potenzialità […] se ne stavano compresse in attesa di sviluppo. Nel giro di un paio di decenni, per comodità, avrebbe messo la sordina a gran parte di sè- un’area vasta da dismettere pian piano- e sarebbe corso dietro a qualche abbaglio da chiamare in seguito il mio destino[…] Chissà quante cose riteneva di saper fare meglio di tutti. E chissà quanto avrebbe impiegato ad assottigliare il numero di quei primati, a ridurli a uno o due, a concludere che non brillava sul serio in alcunché“.
Nascosta nel miele delle parole di affetto e nelle simulazioni di entusiasmo reciproco si annida una sfida darwiniana di cui il lettore è spettatore, complice, giudice: “Battagliammo con l’io: io, io, io, così energico e tuttavia così simile a un pigolio flebile”.
Lo scherzetto è il cuscinetto che riduce gli attriti, addomestica un’aggressività insospettata e subito negata, segna il confine fra commedia e tragedia.

Se hai gradito quel che hai letto, regalami un sorriso cliccando “mi piace” sulla mia pagina Facebook.
Abbiamo letto qualche libro in comune ultimamente? La lista dei miei la trovi qui!

Su Il paradiso del lettore, la videorecensione a questo e a molti altri libri.

Precedente L'amore molesto di Elena Ferrante (17/1001) Successivo Il ristorante Il portichetto a L'Aquila