Le Sorgenti del Pescara a Popoli (PE)

wp_20161001_15_37_57_proLe sorgenti del Pescara sono una nicchia incontaminata che si incunea fra l’autostrada e la statale.
Eppure, passeggiando fra i canneti, con un occhio alla natura rigogliosa e un orecchio al canto degli uccelli, giurerei di esser mille miglia lontana dalla frenesia della modernità.20161001_150857
Per sentirmi Indiana Jones, basta seguire il sentiero fino al boschetto e, da lì, al miracolo delle polle.
Per passare una giornata tranquilla è sufficiente sostare nell’ampia area attrezzata a pochi metri dal parcheggio e godere della frescura mentre i bimbi scorrazzano felici fra i giochi del parchetto e i mariti si affannano al barbecue.20161001_151057

Le sorgenti del Pescara sono una meta per tutti i gusti e per ogni stagione: un ritrovo mondano nei pomeriggi estivi, un luogo di ispirazione poetica negli anfratti adiacenti le acque, un punto di osservazione per gli amanti della natura.
Io, ad esempio, amo l’intersezione terracquea.
Mi fermo al limitare del fiume, che nasce già grande, e guardo.
Guardo fino a che gli occhi, abbacinati dalla luce, cominciano a dolere. Seguo il ribollire delle polle, ipnotico nella sua fluidità.

Polle d'acqua alle Sorgenti del Pescara
Polle d’acqua alle Sorgenti del Pescara

Mi perdo ad ammirare i colori fluttuanti del fondale.

Le sorgenti del Pescara
Le sorgenti del Pescara

Seguo le acrobazie di chi si spinge fino al fiume per catturare l’acqua freschissima nel momento in cui, dalla roccia, sgorga nel sole.

L'acqua sgorga dal sottosuolo. Sorgenti del Pescara
L’acqua sgorga dal sottosuolo. Sorgenti del Pescara

Se le sorgenti del Pescara fossero una fotografia, sospetterei l’abuso di filtri e l’impostura del Photoshop.
Nessuna fotografia, però, può rendere la bellezza e l’armonia del luogo e allora anche i miei scatti, fatti senza perizia con un cellulare ormai di terza o quarta generazione, possono evocare, per difetto, il tripudio di luci e armonie da cui ogni giorno, incessantemente, a Popoli scaturisce la vita.

Se hai gradito quel che hai letto, regalami un sorriso cliccando “mi piace” sulla mia pagina Facebook.

Nella pagina “I luoghi che ho visto” troverai tutti i luoghi che ho raccontato sul blog.wp_20161001_15_24_37_pro

Precedente La signora di Wildfell Hall di Anne Bronte (22/1001) Successivo Al culmine della disperazione di Emil M. Cioran (23/1001)