Le Sorgenti del Verde a Fara San Martino (CH)

WP_20151024_010Il gigante ha i piedi bagnati.

Non te ne accorgi prima di arrivare a Fara San Martino.

E anche lì, nel borgo, guardando la Majella che incombe glabra e tenebrosa sulle case, a stento vedi scintillare alla base le acque pure delle Sorgenti del Verde.

Ma quando ti avvicini e, oltrepassati i pastifici, ti immergi in quel regno liquido, la meraviglia ti avvince: dalle pareti rocciose che si ergono quasi a perpendicolo su di te, grondano stille d’acqua, che, scivolando, lisciano la pietra e si precipitano a valle in mille cascatelle.WP_20151024_034

Lo scrosciare delle acque accarezza le orecchie come il vagito di un neonato, promessa di vita, garanzia di futuro.

Alle Sorgenti del Verde si assiste ad una nascita eterna, ad un’eterna rigenerazione.

Il fiume è forte: è appena nato e occupa già un suo letto, che ospita altre polle e si allarga a vista d’occhio.

Lo vedi correre così, purissimo e torrentizio, verso oriente e godi pensando che presto sarà intercettato dai pastifici e donerà al grano la sua energia cristallina, garantendo alla pasta prodotta a Fara San Martino quella qualità indiscussa che la fa leader mondiale.

Ma prima che la sua energia si faccia cibo e sazi il gusto, sono gli occhi a bearsi dello spettacolo.

WP_20151024_012Puoi fruirne nel modo che preferisci: se ami la socialità, gli amici, i grandi gruppi, puoi accomodarti nell’area picnic vicino al museo naturalistico. Le sorgenti del Verde, lì, sono organizzate in canali, la loro acqua buona è erogata dai fontanili e verde è anche l’aggettivo con cui descriveresti gli alberi piantati lì intorno, che suggellano con le loro fronde quel senso di frescura così ricercato in estate.

Se invece ti affascina la grandezza della natura e vuoi perderti nell’ammirazione solitaria dell’interazione tra fiume e rocce, puoi posizionarti più giù, dove, attraversato un ponticello in legno, il sentiero è solo tuo.WP_20151024_033

In un racconto vertiginoso, Kafka ipotizza che l’uomo non sia mai stato cacciato dall’Eden, ma sia diventato semplicemente cieco a tanto paradiso. Le Sorgenti del Verde sono un’operazione alla cataratta che restituisce anche alla persona più spassionata il senso sacro della Natura e della Bellezza.

Se hai gradito quel che hai letto, regalami un sorriso cliccando “mi piace” sulla mia pagina Facebook.WP_20151024_008

Precedente Le vie dello zafferano a San Pio delle Camere (AQ) Successivo Il ristorante da Spadone a Rocca di Cambio (AQ)