L’appartamento Tiberina 381 a Roma

WP_20160320_003Tiberina 381 è un piccolo Eden in un bunker.
Neanche un cartello a preavvisarne la presenza, tre cancelli a custodirne la privacy, un gioco di cellule fotoelettriche che ostacola l’accesso anche a chi è atteso.
Poi, quando con un Sim Sala Bim si spalanca anche l’ultima porta, ci si ritrova in un curatissimo parco privato, con alberi che sfiorano il cielo, erba tagliata di fresco, fiori a centinaia, finanche il gatto Giorgio a darci il benvenuto.WP_20160320_001

Marco si è innamorato all’istante della struttura quando ha visto i posti auto coperti. Per lui, come per molti uomini, la sistemazione della macchina è prioritaria anche rispetto al confort personale.
Le tre villette attualmente affittate (altre sei sono quasi pronte per accogliere i turisti) hanno un patio privato, con tavolo e sedie; l’interno è un ampio open space dalla volte altissime, con le travi a vista. WP_20160318_003
I bagni, per fortuna, sono due, uno sull’altro, piccoli ma confortevoli.WP_20160318_004
La camera da letto è nel soppalco, raggiungibile con una elegante scalinata in legno, e gode di una suggestiva balconata sul piano inferiore, che, se non è amica del pudore, permette però uno sguardo a mezza sala, dominando il bel divano letto rosso sottostante.

Il piano di sotto, ampio il doppio, è idealmente diviso fra la zona relax, con divano (che all’occorrenza si trasforma in letto) e tv, e cucina, accessoriata di tutto punto.
WP_20160318_002Gli arredi sono nuovi, le posate e gli asciugamani sembrano addirittura intonsi: Tiberina 381 è una struttura giovane, inaugurata nel Capodanno 2016. Questo spiega i prezzi promozionali (nel nostro caso, addirittura 35 euro a notte) e quella piacevole patina di novità resa più fulgida dall’accurata pulizia dell’intera struttura.
Scoperta questa oasi di tranquillità, penso proprio che i nostri weekend a Roma diventeranno assai più frequenti.

Per conoscere le strutture in cui ho soggiornato, clicca qui.

Se hai gradito quel che hai letto, regalami un sorriso cliccando “mi piace” sulla mia pagina Facebook.

Nella pagina “I luoghi che ho visto” troverai tutti i luoghi che ho raccontato sul blog.

Precedente Lazarillo de Tormes di Anonimo (6/1001) Successivo Incontro con Paolo Mieli e Annalisa De Simone