Uomini e topi di John Steinbeck (31/1001)

Uomini e topi di John Steinbeck è un gioiellino di assoluta perfezione che dovrebbe rifulgere in ogni biblioteca pubblica e privata.
Le parole sono dosate con cura per offrire la massima resa col minimo sforzo linguistico e cesellano con precisione non solo i protagonisti, ma anche i comprimari dell’affascinante racconto.
La mia preferita è “la moglie di Curley“, sciocca pupattola senza nome, fanciulla disillusa, goffa seduttrice, simbolo insuperabile di femminilità umiliata.
Come lei, escono dalla pagina e prendono vita tutti i personaggi e addirittura gli ambienti: il campo di grano, le camere scure, l’atmosfera rarefatta da tragedia annunciata.
Uomini e topi sviluppa un’allegoria chiara: affetti e interessi personali, prgetti e amicizie, vanno sacrificati in nome della collettività.
Che tu sia un vecchio cane rognoso, un povero nero, uno sciocco gigante, non troverai mai spazio nella comunità dei simili: se non puoi adeguarti, devi sparire.
E i sogni, quei sogni che danno coraggio e aiutano a sopravvivere, sono destinati a dileguarsi come neve al sole.
Grazie anche alla magnifica traduzione in italiano di Michele Mari, che non fa mai rimpiangere quella “storica”, con cui Cesare Pavese consegnò  all’Italia, ho goduto di ogni singola pagina, di qualsiasi dialogo, dei tanti spunti di riflessione.

Se hai gradito quel che hai letto, regalami un sorriso cliccando “mi piace” sulla mia pagina Facebook

Se vuoi conoscere i 1001 libri da leggere prima di morire, clicca qui

Qui trovi invece la lista dei libri e degli autori di cui parlo nel blog

Precedente Il ponte romano e il borgo di Campana (AQ) Successivo Il ristorante Acquarium di L'Aquila