Il castello di Semivicoli (CH)

20160402_150123Il castello di Semivicoli è un grande palazzo baronale sulla sommità di una collina: da un lato si estendono a distesa i filari delle vigne, dall’altro ferve il paesetto.
La chiesa è una costola del castello: dalla balconata della stanza della baronessa è tuttora possibile affacciarsi direttamente nel luogo di culto per partecipare alle funzioni senza muoversi da casa. Dal 2004 il castello di Semivicoli appartiene alla famiglia Masciarelli, blasonata dinastia di viticoltori, che, dopo un attento restauro conservativo, da sette anni la ha adibita a struttura ricettiva.20160402_150632
Ne ho varcato il cancello in occasione dell’evento “Ebbri di libri“: le titolari ci hanno accolto alla porta con viva cordialità e ci hanno istradato nelle stanze del piano terra, che un tempo furono cantine e oggi sono state adibite a sale conferenze.


All’interno fanno bella mostra di sè una vecchia macina e un torchio in legno datato 1864; il pavimento in plexiglass mostra ancora le antiche buche in cui era ammassata l’uva.
20160402_141727Il primo piano è arredato in maniera pregevolmente antiquaria: lì, tra antiche poltrone, quadri e damaschi, è stato servito il buffet degustazione.
I vini hanno trionfato, come era prevedibile: su tutti, ha riscosso successo il Villa Gemma bianco che piace tanto a Massimo Carlotto.20160402_134608
Nella stanza successiva, ci aspettava un buffet parco e raffinato.
Nessun assalto all’arma bianca come spesso succede durante i pranzi in piedi: i commensali, uomini di cultura, hanno spiluccato qua e là fra i salumi, le pizze rustiche e i formaggi dell’antipasto, continuando fra loro piacevoli conversazioni. 20160402_141748Anch’io mi sono lasciata soggiogare dalla raffinatezza dell’ambiente e ho riempito parcamente il mio piattino, anche se, a voi posso confessarlo, avrei fatto volentieri strage dei simpatici frittini già serviti in microcartocci e più ancora dello straordinario miele allo zafferano che accompagnava il formaggio.20160402_141748
Sorseggiando vini, degustando prelibatezze locali, ammirando un panorama a cui un filo di nebbia conferiva un fascino misterioso e soprattutto conversando con gli scrittori della collana Sabot-Age della casa editrice E/O, abbiamo trascorso un’ora davvero diversa.
Sulla pasta ho avuto un piccolo cedimento: le trofie agli asparagi, molto delicate, erano insaporite da petali di pancetta così gustosi che ho volentieri fatto il bis.20160402_141005
Dei dolcini secchi che hanno cesellato la giornata, invece, non mi sono quasi accorta, tutta presa ad ascoltare scrittori che per me sono stati fino ad oggi amici di carta.
Per un giorno, insomma, mi sono sentita principessa e il castello di Semivicoli è stato il mio maniero.

Se hai gradito quel che hai letto, regalami un sorriso cliccando “mi piace” sulla mia pagina Facebook.

Nella pagina “I luoghi che ho visto” troverai tutti i luoghi che ho raccontato sul blog.

Se cerchi ispirazione, ti invito a visitare anche la pagina Ristoranti e pizzerie20160402_143334

Precedente Il lago di Piediluco (TR) Successivo Mia madre e altre catastrofi di Francesco Abate (16/16)