L’Agriturismo San Paolo a Rimini

L’Agriturismo San Paolo a Rimini

Non è da noi. Non torniamo volentieri negli stessi locali, durante la vacanza. Non lo facciamo mai per riassaggiare gli stessi cibi. I tortellini in brodo dell’Agriturismo San Paolo di Rimini meritano l’eccezione: sono un connubio fatato fra brodo saporoso e pasta fatta in casa, arricchita da una farcitura genuina... Continua »
Il pub Ghettoquarantasei a Villa Verucchio (RN)

Il pub Ghettoquarantasei a Villa Verucchio (RN)

Guai ad arrivare tardi al pub Ghettoquarantasei di Villa Verucchio! L’affluenza è tanto alta che i tavolini sono a tempo, soprattutto durante il Giroburgher. Che cos’è il Giroburgher? Una geniale operazione di marketing introdotta circa due anni fa dagli abili gestori del Ghettoquarantasei. Ogni giovedì è infatti possibile la degustazione... Continua »
L’hotel Panama Majestic di Rimini

L’hotel Panama Majestic di Rimini

La consapevolezza mi ha folgorato mentre un asciugamano caldo mi ristorava dopo una lunga, confortevolissima doccia: “Io voglio vivere sempre così“. E siccome non ho certo uno stipendio che mi permetta di soggiornare tutta la vita al Panama Majestic di Rimini, ho cercato di identificare i piccoli particolari che hanno... Continua »
Pennabilli (RN)

Pennabilli (RN)

Pennabilli ha due cantori: Tonino Guerra, che l’ha intrisa di poesia, e Pino Aprile, che ne divulga la magia. Esattamente due anni fa, ad Aliano, Pino Aprile ci incantò raccontandoci le meraviglie del paese come una fiaba. C’era una volta una principessa, Tonino Guerra, in momentanee difficoltà economiche, pronta ad... Continua »
Mateureka, il Museo del Calcolo di Pennabilli (RN)

Mateureka, il Museo del Calcolo di Pennabilli (RN)

A Mateureka, il museo del calcolo di Pennabilli, mi sono divertita come una bambina. Ero entrata per accompagnare Marco, il vero appassionato di scienze in famiglia, ma alla fin fine sono stata io ad attardarmi il più possibile. Nel comune della poesia, un museo non è un contenitore di reperti. Oserei... Continua »
La trattoria La Sterlina di Imola

La trattoria La Sterlina di Imola

Alla trattoria La Sterlina non si arriva per caso. Si trova nel nulla della periferia di Imola, in una casella fra mille del reticolato creato da campi e bivi, bivi e campi nella monotonia di una pianura sterminata. Eppure il parcheggio era gremito di macchine e i clienti continuavano ad... Continua »
L’hotel Ancora di Rimini

L’hotel Ancora di Rimini

Hotel Ancora di Rimini: sposterei volentieri l’accento, gridando “Ancòra!” Sto scrivendo le impressioni a caldo dall’ampio balcone della mia camera: all’altro lato della strada, le spiagge d’oro, ancora deserte, il mare sterminato e qualche imbarcazione che veleggia di lontano. Ho bisogno di un weekend romagnolo almeno, ogni anno, per stemperare... Continua »
San Mauro Mare

San Mauro Mare

San Mauro Mare si estende per poco più di un kilometro in una parte del litorale romagnolo parcellizzata per offrire a diversi paesi dell’entroterra uno sbocco sul mare. Durante la passeggiata serale non era raro per noi attraversare tre comuni, passando per Savignano e arrivando a Gatteo. E questo accadeva... Continua »
Il cimitero ebraico di Ferrara e la tomba di Giorgio Bassani

Il cimitero ebraico di Ferrara e la tomba di Giorgio Bassani

Al Cimitero Ebraico di Ferrara sono andata con fervore, ma non tornerei volentieri. Chi, come me, arriva con l’animo lieve del turista si trova proiettato senza paracadute in un ambiente dolente e angoscioso e fatica un po’ a ritrovare in giornata la necessaria leggerezza. Stavolta i campi di sterminio e... Continua »
Il fantasma di Mussolini a Villa Carpena

Il fantasma di Mussolini a Villa Carpena

Un attimo prima di una probabile crisi di nervi, è comparsa, tra una serie di casali tutti simili e tutti equidistanti nel nulla, nell’assenza totale di indicazioni, la dimora dove visse Mussolini all’apice della sua potenza, Villa Carpena. L’umore pre-visita non è dei migliori: qualcuno minaccia di non volerci nemmeno... Continua »
L’architettura fascista di Predappio

L’architettura fascista di Predappio

Quando racconto di essere stata a Predappio, si alternano due reazioni uguali e contrarie: l’improvviso irrigidimento degli antifascisti del secolo dopo e il complice ammiccare dei criptofascisti fuori tempo massimo. Il motivo ufficiale che mi ha spinto in visita, in realtà, è stato prettamente architettonico: il piacere di passeggiare in... Continua »