L’hotel Ancora di Rimini

WP_20150501_015Hotel Ancora di Rimini: sposterei volentieri l’accento, gridando “Ancòra!”

Sto scrivendo le impressioni a caldo dall’ampio balcone della mia camera: all’altro lato della strada, le spiagge d’oro, ancora deserte, il mare sterminato e qualche imbarcazione che veleggia di lontano.

Ho bisogno di un weekend romagnolo almeno, ogni anno, per stemperare il grigiume della quotidianità. So sulla mia pelle quanto sia difficile trovare alberghi decorosi a prezzi possibili.

Anche per questo, gradisco molto la mia camera “Gradisca” (quella standard, con vista mare laterale).

È una stanza che ha subito un lifting di recente e vanta ora pareti verniciate di fresco e un soffitto ornato di una greca gialla e rosa che prelude a un soffitto color salmone, come le tende.WP_20150501_007

Il letto è comodo, con un materasso ortopedico che è buon viatico a notti tranquille. Sulla scrivania, cioccolatini fondenti di altissima qualità ci danno il benvenuto.

La vera sorpresa è il bagno, spazioso come raramente capita e dotato di un condizionatore d’aria suppletivo: chi l’ha progettato sa bene che in una stanza così congegnata ci si passa del tempo.

La doccia a due piazze con cromoterapia
La doccia a due piazze con cromoterapia
Il bagno
Il bagno

 

Il vero spettacolo è la doccia a due piazze, cromoterapizzata e mosaicata.

Mi godo la stanza perché un acquazzone per ora solo minacciato dissuade dalla passeggiata, anche se la posizione ottimale dell’albergo, fra la spiaggia e il corso pullulante di negozi invoglierebbe davvero a sgranchire le gambe.

Ho già fatto una spedizione conoscitiva per tutto l’hotel: solo il solarium mi ha deluso. La vasca idromassaggio che sognavo di provare non solo non è attiva (sarebbe anche giustificato dalla temperatura esterna e dal clima) ma è davvero piccola.

Il corridoio del piano illuminato di sera
Il corridoio del piano illuminato di sera

La hall, al contrario, è ampia e confortevole: comodi divani azzurri nella sala, eleganti tavolini di bambù all’esterno, dondoli robusti, un nuovissimo parco biciclette a disposizione degli ospiti e tre o quattro giochi per bambini, nuovi e colorati.Il piccolo Marco nella zona bimbi

Nessuna traccia dei temutissimi cani, oggetto delle perplessità di qualche utente di Tripadvisor e del mio terrore: l’hotel Ancora è dog friend, ma fortunatamente questo weekend non ci sono “amici” a quattro zampe da schivare.

Hotel Ancora: parte seconda. Scrivo dopo la colazione. Torte appena sfornate a gogò: ho contato dodici vassoi diversi in ognuno dei quali troneggia un diverso tipo di ciambellone. Non ho degnato di uno sguardo gli altri complementi (marmellate, salumi, yogurt, fette biscottate) perché l’attenzione va tutta al magnifico buffet centrale. Fortuna che sono prodotti genuini: ho mangiato tanto che solo la qualità delle materie prime mi ha evitato il torpore da grande abbuffata.

Al ristorante avrei dedicato un capitolo a parte. Parlando con il maitre ho però scoperto che è riservato ai soli clienti ed, eccezionalmente, ai loro amici. Per questo, non si può sperimentare impunemente: chi vuol rallegrarsi dell’eccellente cucina deve per forza “sacrificarsi” a soggiornare.

Eppure due parole voglio spenderle: in Romagna si mangia bene quasi ovunque, ma la cura nella scelta del menu, nell’impiattamento, nella raffinata mistione dei sapori mi sembra qui eccezionale.WP_20150501_017

Anche il grande buffet di verdure è tradizione riminese. Le pizzette, il pane caldo, le torte rustiche, l’incredibile varietà proposta accreditano l’antipasto/ contorno dell’Hotel Ancora come il migliore da me mai gustato a Rimini, e quindi come il migliore della mia vita tout court.

Per conoscere le strutture in cui ho soggiornato, clicca qui.

Se hai gradito quel che hai letto, regalami un sorriso cliccando “mi piace” sulla mia pagina Facebook.

Nella pagina “I luoghi che ho visto” troverai tutti i luoghi che ho raccontato sul blog.

Precedente Il ristorante "La casetta" a San Demetrio de' Vestini (AQ) Successivo Romagna mia! di Cristiano Cavina (23/2015)