Il foliage del Sirente

WP_20151031_001Il Sirente è magnifico sempre.

Aprichi o innevati, ingemmati o incanutiti, i suoi boschi conservano un fascino strano, fruibile anche dai pigri che non osano raggiungerne le cime né salutare l’alba dalle sue creste.

Basta lasciarsi Rocca di Mezzo alle spalle e inoltrarsi verso Secinaro per venir come assorbiti dalla foresta.

In un ultimo punto belvedere, lo sguardo regna, sornione, sul magnifico Altipiano delle Rocche, sui suoi prati pianeggianti e sui suoi comodi sentieri: si sosta il tempo di riempirsi i polmoni dell’aria buona e della vista confortevole, poi si svolta.WP_20151031_018

Basta una curva per cambiar panorama.

Basta una curva per trovarsi immersi in una logica di saliscendi, fra migliaia di alberi che, fitti fitti, paiono gettarsi a valanga verso la strada, tra le fronde che fanno arco sulla statale e che ti proiettano senza sforzo nella magnificenza del bosco.WP_20151031_027

Si svalica dolcemente, poi la macchina viene come inghiottita dalle spire della natura.WP_20151031_038

Si è assaliti dalla tentazione di parcheggiare nei pressi di uno dei tanti punti picnic disseminati qua e là, ben mimetizzati per colori e spazi nell’ambiente circostante: in autunno non bisogna contendere spazi ad allegri gitanti, si ha semmai il problema contrario, quello di fermarsi pensando di essere nel cuore della bellezza e scoprire, alla curva successiva, un paesaggio ancor più spettacolare, da fotografare assolutamente, e poi qualcosa di più incredibilmente bello, fino a trovarsi con il cellulare pieno di foto che sono solo una pallida riproduzione di scenari che il sole filtrante fra le nuvole e l’aria tersa del Sirente rendono inesportabili.

Amo il foliage del Sirente anche per questo, perché è uno spettacolo destinato solo a pochi. Se qualcuno dei molti turisti che stagionalmente animano l’Altipiano disserrasse la sua bella villetta nel periodo che va tra la frescura estiva e la neve sugli sci, scoprirebbe che il Sirente raggiunge il massimo del suo splendore durante l’estate di San Martino, quando le foglie fiammeggiano e piovono a terra in un suicidio spettacolare che sa di perfezione.WP_20151031_049

E quando la terra è una soffice moquette rossa e il cielo un soffitto di fronde dai mille cangianti colori, ti assale la consapevolezza felice di vivere in uno dei luoghi più belli del mondo.

Se hai gradito quel che hai letto, regalami un sorriso cliccando “mi piace” sulla mia pagina facebook

Nella pagina “I luoghi che ho visto” troverai tutti i luoghi che ho raccontato sul blog.

Precedente La Pizzeria Vecchia Pescara a Pescara Successivo La casa di Federica a Corciano