L’età dell’innocenza di Edith Wharton (14/1001)

Letà-dellinnocenza-Edith-WhartonL’età dell’innocenza, che è poi età di ipocrite finzioni, è un delizioso romanzo di Edith Wharton, che con piacevolezza tratteggia un ironico e verisimile ritratto della società newyorchese del primo Novecento, retriva e bigotta esattamente come le aristocrazie europee di quel periodo.
Il protagonista, Newland Archer, è tormentato dallo stesso dilemma che spesso sconvolge gli uomini irrequieti: sarà meglio l’amore placido di una ragazza carina e dall’intelligenza quieta o la passione tormentata per una donna chiacchierata e irresistibile?
Più della trama, però, mi ha affascinato il contesto: Edith Wharton, fine osservatrice, sa descrivere le isterie e i vezzi della società con un’arguzia sorprendente. In molti personaggi ho ritrovato, mutatis mutandis, vizi e virtù di amici e conoscenti, perché la società può cambiare, ma l’animo umano resta sempre ancorato a pochi valori fondamentali.

Ecco come Edith Wharton descrive ad esempio la fredda cortesia di una dama fra le più importanti: “Ella aveva sempre colpito Newland Archer per il modo un po’ macabro in cui si era conservata nell’atmosfera asettica di un’esistenza assolutamente irreprensibile, come i corpi intrappolati nei ghiacciai che per anni conservano nella morte un incarnato vivo“.
La vita non è stata così buona con la brillante nonna, affetta da obesità patologica: “ La smisurata concrescenza di carne che le era piombata addosso nel bel mezzo della sua esistenza, come una colata di lava su una città condannata, l’aveva tramutata da una piccola donna grassottella e attiva dal piede delicato e la caviglia ben tornita in qualcosa di immenso e nobile, paragonabile a un fenomeno della natura“.
La magnifica conclusione del romanzo, che ripropone gli stessi personaggi trent’anni dopo, dimostra chiaramente che L’età del’innocenza non è una questione solo anagrafica.

Se hai gradito quel che hai letto, regalami un sorriso cliccando “mi piace” sulla mia pagina Facebook

Se vuoi conoscere i 1001 libri da leggere prima di morire, clicca qui

Qui trovi invece la lista dei libri e degli autori di cui parlo nel blog

Precedente Il ristorante Il Grottino a Città di Castello (PG) Successivo La Gola del Furlo (PU)