Love & the city. L’amore ai tempi dell’Expo di Lidia Di Simone (35/2015)

love & the cityLove & the city di Lidia Di Simone è ambientato “anche” a Milano ai tempi dell’Expo, come suggerisce il sottotitolo.

La vera protagonista del romanzo è l’architettura contemporanea, ammirata, descritta, animata ovunque si sia manifestata nell’ultimo decennio: a Londra, che grazie a un rivoluzionario piano urbanistico sta letteralmente cambiando volto, a Milano, la grande promessa, a Pechino, con le sue frastornanti dimensioni.

E se il “lui” della storia è l’archistar di uno dei più grandi studi urbanistici del mondo e lei è una giovane creativa dalle intuizioni geniali, il loro amore passerà necessariamente fra i cantieri dei palazzi più innovativi del mondo.

Le storie d’amore, si sa, si assomigliano tutte: la passione bruciante che annichilisce e nel contempo vivifica si oppone alla tranquillità di una routine consolidata (“Mi sono sempre piaciuti così: carini, poco impegnativi, intercambiabili” sostiene Chris, l’amica della protagonista, che però la rimprovererà così: “Tu e Nic-il-moscio mi sembrate la pubblicità dei piani pensionistici”).

E gli uomini, almeno quelli dei libri, non sempre sincronizzano cuore e cervello.

Alistar Wolf è il cugino assennato di Christian Grey, Amanda Grant è una versione 2.0, accessoriata di cervello, di Anastasia Steele: la passione fra loro non è gioco né perversione, ma sentimento che scuote e si scuote, arroventato da un segreto che aleggia tenue per buona parte del libro.

Lidia Di Simone sa bene che il genere rosa oggi scorre fra il binario delle cinquanta sfumature e quello della chick lit. Maddie lo spiega così: “La mia vita comincia a sembrare una citazione dal Diario di Bridget Jones”.

Love & the city non lo è, naturalmente, proprio in ragione di questo amore esclusivo per la city: l’ambientazione qui è così dettagliata, così appassionatamente descritta che vien voglia di prenotare immediatamente un biglietto aereo per Londra, o almeno per Milano, e ripercorrere le strade che milioni di altri personaggi letterari hanno calcato distrattamente e che qui si illuminano di particolari, curiosità, aneddoti, risucchiando nella loro frenesia anche Maddie e il suo sogno infranto, anche Wolf e il suo peccato originario.

Se hai gradito quel che hai letto, regalami un sorriso cliccando “mi piace” sulla mia pagina Facebook.

Precedente La Cava Museo di Fantiscritti (MS) Successivo Il ristoro La tana del lupo a Farindola (PE)