ll ristorante “A Bominaco” a Bominaco

WP_20150726_047Come chiamereste un ristorante ubicato sulla piazza principale a Bominaco?

A Bominaco, appunto.

Il nome mi sembra la cifra espressiva del locale, che non si propone di stupire i clienti con effetti speciali, ma di proporre piatti genuini senza nessuno scostamento dalla tradizione.

Non c’è nessun vezzo da alta cucina: le ricette sono semplici, con gli ingredienti dosati ad occhio e ammassati con tecnica più che con arte.

La ventola in azione
La ventola in azione

Non c’è nessuna raffinatezza nella presentazione dei piatti: a soddisfare i convitati bastano grandi vassoi posizionati a centrotavola.

C’è invece una avversione tutta paesana allo spreco: abbiamo dovuto insistere per avere una seconda bottiglia di Coca Cola sul tavolo. Perché mai far sgasare la prima senza ultimarla?

Se dovessi utilizzare un solo aggettivo per il ristorante A Bominaco, sarebbe “onesto”: onesto il servizio, oneste le porzioni (con tanto di “ripasso” finale), onesto il prezzo (22 euro a testa per un menu fisso composto di antipasto, due primi, due secondi, due contorni, dolce e bevande).

E per non rinunciare all’onesto pranzo domenicale, gli habitué del luogo si sono adatti a mangiare nei tavolinetti da bar in corridoio, dato che l’ampia sala da ristoro era riservata a noi di Borghi d’Abruzzo. Per il nostro comfort è stata addirittura azionata una antica ventola a soffitto che lì, a quasi mille metri di altezza, non si accenderà più di tre volte l’anno.

Ceci allo zafferano
Ceci allo zafferano

L’antipasto è stato accompagnato da simpatici fiocchetti di pizza fritta, sfiziosi con i salumi, le olivette e i carciofini.

I ceci si sposano benissimo con lo zafferano, eccellenza locale: non lo sapevo e ho avuto modo di deliziarmene.

Accesa la discussione su quale dei due primi sia stato più buono: gli gnocchetti con pomodorini e zucchine o la chitarra al ragù? Io propendo senza dubbio per la seconda. Voi?

Quando poi sono arrivati gli arrosti il compare ha esclamato tra gioia e preoccupazione: “Ma ci danno un pollo intero a testa!?”. I grandi cosciotti di galline ruspanti generosamente distribuiti pesano sicuramente più di un intero polletto da batteria e sono insindacabilmente più saporiti. Impallidiscono al confronto anche le salsicce, che hanno completato qui la rosa dei secondi.WP_20150726_040

Peccato fossimo troppo sazi per fare onore alla tavola!

Per dolce, ferratelle e torta di mele, come da tradizione.

Se hai gradito quel che hai letto, regalami un sorriso cliccando mi piace sulla mia pagina Facebook

Per partecipare ai Giroborghi, iscriviti al gruppo Facebook “Borghi d’Abruzzo”.

WP_20150726_043

Precedente E sono corsa da te di Rosanna Lambertucci (34/2015) Successivo Tour in 4x4 alle cave di Fantiscritti (MS)