La locanda del minatore di Massa Marittima (GR)

20160602_103510La locanda del minatore di Massa Marittima è un pezzo della storia quotidiana del Novecento.
Offre a chi la vuole la possibilità di immergersi nell’ambiente in cui vissero e lavorarono gli operai impegnati nell’estrazione del ferro nelle colline metallifere attorno a Massa Marittima.
La locanda del minatore si raggiunge dopo aver attraversato un bel tratto di boscaglia, in una strada marginale: la frazione Capanne, infatti, è ben isolata dalle direttrici del traffico ed è assai difficile anche che ci sia campo per i telefonini.
Poco male, per le emergenze c’è sempre il vecchio telefono fisso offerto dai gestori.20160601_181214

Si dorme nelle ampie stanze che ospitarono i letti a castello dei minatori, si fa il check in nell’officina in20160601_181325 cui le donne lavavano e smistavano le materie prime estratte dal sottosuolo, si fa colazione dove si stoccavano le merci.
Per di più, La locanda del minatore è anche sede di un addestramento per cani e di un ampio maneggio per i cavalli, il cui odore ti insegue fino alle soglie di casa.


Al prezzo di una stanza, La locanda del minatore affitta un’abitazione intera, molto spaziosa e pulita, che ricorda un po’ le vecchie case dei nonni, con quell’arredamento un po’ approssimativo e quel confort ormai datato e, da qualche parte, già rivalutato come testimonianza di un tempo passato.
20160602_090712Allora la vita dell’uomo si modulava sui ritmi della natura. Ed ecco che le ampie vetrate sovastanti le finestre lasciano filtrare fin dall’alba la luce e ci costringono, fra mille lamentele, a un risveglio forzato in un giorno di vacanza.
La colazione è molto frugale, ma rallegrata dalla cortesia di Lara, splendida padrona di casa sinceramente innamorata di questo luogo

Se hai gradito quel che hai letto, regalami un sorriso cliccando “mi piace” sulla mia pagina Facebook

Qui invece trovi i post sulle strutture in cui abbiamo soggiornato.

Precedente Un tango sulla Senna di Philippe Delerm (22/16) Successivo Notti in bianco, baci a colazione di Matteo Bussola (23/16)