Crea sito

La trattoria Chicchirichì (da Emidio) a Stiffe (AQ)

Chicchirichì, sveglia!


Se volete cenare al Chicchirichì a Stiffe, da Emidio, affrettatevi.
Ha tutte le intenzioni di chiudere per sopraggiunti limiti di età.
Ok, sono dieci anni che se ne lamenta, ma stavolta forse darà seguito alle parole.
E sarà un peccato, perché Emidio è un personaggio.
La parte del menu che più ci attrae sono le chiacchiere di lui: è incontenibile.

Gamberi o tartufo?

Lo show parte al momento dell’ordine.
“Che prendete?”
“Che cosa c’è?”.
“Tutto”.
Peccato che questo “tutto” gli sia momentaneamente finito, tranne due piatti principeschi che gli riescono proprio bene: chitarra al gambero di fiume e pappardelle ai funghi e tartufo “quello vero, però”, cioì quello della sua ottima tartufaia.
“Anzi facciamo così” aggiunge “Vi preparo una bella bruschetta al tartufo; poi la pasta coi gamberi: va giù che è un piacere!”.
Effettivamente non si può resistere al profumo del pane tiepido mescolato con quello, inconfondibile, del tartufo, che nella Valle dell’Aterno ha proprio ragion d’essere.

I gamberi della pasta sono invece un plurale maiestatis.
Il primo si presenta infatti a strati: in basso il sugo, piuttosto liquido, al centro la piramide della pasta fatta in casa e sulla vetta un unico gambero solitario.
Prima di lamentarvi, assaggiate!
Nonostante l’aspetto, l’insieme è proprio buono, verace e sostanzioso come i sapori di una volta.

Agnello o tartufo?

E il secondo?
“Dottò, mia moglie sta in cucina a parlare con due o tre trote appena pescate! Quando finiscono, ve le metto al cartoccio”.
Non è difficile crederci, se si considera che il “Chicchirichì” sorge come una penisola su un torrentello in un posto molto ameno, dirimpettaio quasi della Cascatella di Stiffe.
Ed è Emidio stesso a gestire un piccolo allevamento di pesci di fiume
Chi gradisce comunque l’agnello è accontentato, ma con disapprovazione: anche se la sua carne alla brace è tenera e saporosa come poche, Emidio ha una predilezione particolare per il pesce.
“Allora, com’era la trota?”
“Magra, Emidio, magra”.
L’occhiata di disappunto che mi riserva è comicamente eloquente.
Per contorno, insalata dell’orto di Chicchirichì e chiacchiere.

Il conto

Si siede con noi, ci accompagna in un brindisi, si lascia andare al ricordo e ci racconta una serie di aneddoti, uno più esilarante dell’altro.
Ci offre gli amaretti appena sfornati dalla moglie e incappellati, direi quasi nascosti, da due enormi ferratelle da dividerci in spicchi.
Aggiunge gli amari.
Condisce tutto con la sua briosa compagnia.
Ce ne andiamo ilari e non ci pesano neppure i 30 euro a testa della cena.
Al netto della simpatia del proprietario, questa cena al Cicchirichì sarebbe costata decisamente troppo.

Se hai gradito quel che hai letto, regalami un sorriso cliccando “mi piace” sulla mia pagina Facebook

Nella pagina “I luoghi che ho visto” troverai tutti i luoghi che ho raccontato sul blog.

Se cerchi ispirazione, ti invito a visitare anche la pagina Ristoranti e pizzerie

Pubblicato da Benedetta Colella

Sono Benedetta, quarantenne aquilana innamorata del mondo. Per contatti e collaborazioni, potete scrivermi a benedettacolella(at)gmail.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.