Therese Raquin di Emile Zola (26/1001)

Therese Raquin è un romanzo claustrofobico.
Il capolavoro di Emile Zola ci presenta, infatti, un’umanità stolida e sordida, incapace di uscire da se stessa e dalle proprie invereconde pulsioni, buia e chiusa come la casa umida e scura che ne è referente oggettivo.
Zola, insomma, toglie luce alle stanze e agli animi.
Non c’è poi molta differenza fra la vecchia zia paralizzata,” quell’intelligenza murata viva, sepolta in fondo ad un corpo morto“, e la giovane Therese Raquin, che, sotto un’apparenza placida e remissiva, cova fremiti belluini di libidine e libertà.
Il sangue africano che le intorpida le vene è concessione a un involontario razzismo di Zola, che vuol quasi derubricare come esotismo l’incoercibile natura femminile proprio mentre, mirabilmente, la descrive.

Therese Raquin è una storia di odi ed egoismi che, per meglio agire, si camuffano da amore.
Tra il vigoroso Laurent e l’umbratile Therese c’è lussuria, c’è febbre, c’è reciproca convenienza, ma non c’è mai complicità, nemmeno nell’orchestrare i propri orribili piani.
Zola lo esprime con chiarezza: “Come ricompensa per le sue notti atroci, [Laurent]  volle almeno farsi mantenere in un ozio beato, ben nutrito, caldamente vestito, con in tasca il denaro per esaurire i propri capricci. Soltanto a quel prezzo acconsentiva a coricarsi con i cadavere dell’annegato“. Peccato che lo stesso ozio, perseguito come i supremo dei beni, diventi in breve il detonatore delle frustrazioni del giovane: “ L’ozio rendeva le sue angosce più crudeli poiché gli lasciava tutte le ore della sua vita per pensare alla sua disperazione e approfondirne l’incurabile durezza“.”
Anche la vecchia Raquin, che alleva la sanissima nipote come una malata per offrire conforto al suo cagionevole figliolo, vive di placido egoismo. Su questo faranno leva i due adulteri perché la loro storia riceva i crismi della legalità: la passione, però, è svanita e Laurent cerca da Therese, ormai, tranquillità economica più che antichi ardori.
E Therese? Therese sembra aver esaurito il proprio slancio vitale nella foga dell’adulterio. Fuori dall’alcova torna ad essere una donnetta querula e stridula, stritolata dalla misantropia e dai sensi di colpa.
Il rimorso che tortura i giovani nella seconda parte del romanzo diventa macabro e allucinogeno. Completamente inattuale, dunque, in un mondo come il nostro, che proprio sulla certezza dell’impunità fonda la propria serena prepotenza.

Se hai gradito quel che hai letto, regalami un sorriso cliccando “mi piace” sulla mia pagina Facebook

Se vuoi conoscere i 1001 libri da leggere prima di morire, clicca qui

Qui trovi invece la lista dei libri e degli autori di cui parlo nel blog

 

Precedente La trattoria Nonno Pici di Acaya (LE) Successivo Il Museo del Presepio ad Atessa (CH)