Caprese Michelangelo (AR): la Rocca, il Museo e la Collezione Guidoni

A Caprese Michelangelo siamo giunti per colmare una scottante lacuna.
Avvampammo di vergogna al Minimundus, in Carinzia, quando, assieme a località di ben altro blasone, trovammo la riproduzione della casa natale del Buonarroti a rappresentare l’Italia.
Noi ne ignoravamo l’esistenza.
Bisognava dunque andare a Caprese Michelangelo.
Ma Caprese Michelangelo è fuori dai circuiti turistici.
Nello stesso Casentino sono altre le località di grido: Sansepolcro, Anghiari, Poppi, Bibbiena.

La rocca di Caprese Michelangelo si erge solitaria, altera e austera, sopra un grumo di case tirate su pietra su pietra.
Ci appare così, come un nido d’aquila fra i rami ischeletriti del bosco che la circonda.
La casa di Michelangelo si raggiunge a piedi, dopo ripida, ma non impervia salita. L’acciottolato facilita l’ascesa e gli alberi che costeggiano la strada, tutti piegati, dimostrano che il vento qui batte, e batte molto.
Prima di varcare il cancello in ferro, è bello sedersi in una delle molte panchine in legno che invitano alla contemplazione, ricercare nella memoria quel che si sa di Michelangelo e prepararsi all’incontro con l’ineffabile.
Di Michelangelo è rimasto ben poco: ci soggiornò bimbetto nella casa offerta al padre, podestà del luogo. Le due stanze di cui si compone l’appartamento, però, sono arredate con mobili d’epoca; le scuderie, invece, ospitano una preziosa collezione di calchi in gesso delle opere michelangiolesche ed è divertente trastullarsi fra un Mosè e un Davide a portata di mano.
Ma il Museo Michelangiolesco non finisce qui.
L’intera Rocca di Caprese Michelangelo è stata consacrata all’arte: statue nelle aree aperte, bozzetti in quelle chiuse.
Forse l’esperienza più divertente dell’intera tappa l’abbiamo vissuta curiosando fra i bozzetti della collezione Guidoni, qui custodita.
Abbiamo fatto nostri i tanti stimoli per bambini rinvenibili sotto ogni pannello, dopo le descrizioni più serie, e siamo andati a caccia di stranezze.

Avreste mai sospettato, ad esempio, che un Can che caca può essere oggetto di ammirazione?

Se hai gradito quel che hai letto, regalami un sorriso cliccando “mi piace” sulla mia pagina Facebook.

Nella pagina “I luoghi che ho visto” troverai tutti i luoghi che ho raccontato sul blog.

Su Viaggi e viaggetti c’è l’intero itinerario in sintesi

Precedente Anghiari (AR) Successivo L'eremo e il lago di San Domenico a Villalago (AQ)